Governo Lega M5s dice no a diversi punti su decreto terremoto

Governo Lega M5s dice no a diversi punti su decreto terremoto
Ascani Verini Primo piano notizie

Governo Lega M5s dice no a diversi punti su decreto terremoto I cittadini devono sapere a che cosa questo governo #Lega #M5s ha detto

  1. NO sul decreto terremoto:
  2. NO alla proroga della struttura commissariale, senza la quale non regge l’architrave legislativo e il piano di ricostruzione pubblica e privata;
  3. NO all’aumento delle rate da 60 a 120 e alla riduzione al 40% (come precedentemente accaduto per L’Aquila) dell’ammontare dovuto per la sospensione dei versamenti di tributi e contributi;
  4. NO alla possibilità per i cittadini di anticipare le spese per la ricostruzione, accelerandone il processo, e accedere successivamente a rimborso;
  5. NO alla sospensione nel triennio 2018-2020 dei mutui contratti dai comuni, e non solo quelli con Cassa Depositi e Prestiti;
  6. NO all’estensione dell’una tantum agli anni successivi, per i professionisti e le partite iva;
  7. NO alla possibilità di assumere personale presso gli uffici speciali per la ricostruzione e le stazioni uniche di committenza, mettendo seriamente a rischio la definizione delle pratiche per il ripristino degli edifici, arrecando enormi disagi alle amministrazioni e ai privati in attesa di ricostruire;
  8. NO all’incremento delle risorse per il Servizio civile nei comuni del cratere;
  9. NO alla proroga per le assunzioni a tempo determinato, connesse alle esigenze post sisma, di collaboratori nei comuni e di agenti di polizia locale;
  10. NO alla proroga della zona franca urbana, ovvero l’esonero dei versamenti di contributi previdenziali e assistenziali da parte delle imprese;
  11. NO alla riclassificazione delle sedi di segreteria per i comuni;
  12. NO al trasferimento ai comuni delle strutture emergenziali finora realizzate ad uso di pubblico servizio;
  13. NO alla destinazione del 4% del fondo per la ricostruzione al fine di favorire un programma per lo sviluppo economico, sociale e culturale dei comuni del sisma;
  14. NO alla destinazione di una quota del Fondo nazionale per lo sviluppo dei piccoli comuni alle aree del terremoto.(Anna Ascani Walter Verini)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*