Decoro urbano, più educazione civica ma anche 416 sanzioni

Decoro urbano, più educazione civica ma anche 416 sanzioni
Enrico Melasecche

da Enrico Melasecche
Decoro urbano, più educazione civica ma anche 416 sanzioni

Il 2018 ha visto un incremento significativo crescente dell’impegno civico sul fronte della lotta al lassismo, alla trascuratezza, all’abbandono dei rifiuti ovunque. I cittadini che protestano, che segnalano, che reagiscono sono sempre di più anche grazie a questo rinnovato clima di coralità positiva. Sono state fatte numerose riunioni per combattere l’abbandono dei rifiuti ed il fenomeno si sta gradualmente riducendo.

Anche coloro che assistono alla rottura delle panchine di pregio adesso segnalano le targhe ai vigili urbani in un  rinnovato clima di collaborazione consentendo di recuperare in questo modo i danni e sanzionare coloro che si sono eventualmente allontanati senza denunciare il fatto ai vigili ed alla propria assicurazione.

L’incremento delle foto trappola,  nonostante che qualche irriducibile ne ha distrutta una, sta consentendo di individuare gradualmente i responsabili. Questo il resoconto del 2018 grazie all’impegno dei vigili urbani.

Report sanzioni amministrative in materia di rifiuti alla data del 31.12.2018

Tipologia di sanzione n. verbali elevati Importo sanzioni irrogate
Abbandono di rifiuti su suolo pubblico 341 17.050,00
Conferimento in contenitori diversi da quelli previsti per la tipologia 51 2.550,00
Abbandono rifiuti ingombranti 9 5.400.00

Proventi alla Provincia

Veicoli abbandonati 16 26.666,72

Proventi alla Provincia

Distribuzione volantini non rispettando la normativa 2 100,00
Tot. Verbali elevati 419  
Tot. Importo sanzioni irrogate   51.766,72

Al di là degli importi incassati che verranno utilizzati sempre nel settore del recupero dell’arredo e della bonifica dell’ambiente emerge che il fenomeno ancora è evidente ma che c’è anche una reazione ed un controllo che sta dando buoni risultati.

Il volontariato è variegato e va dalle associazioni Mi Rifiuto, Retake, Contagio ai profili su Facebook come ad esempio quello di “Terni malandata” su cui migliaia di cittadini segnalano le cose che non vanno, trasferite poi a chi di dovere per consentire all’ASM o al Comune in modo da porvi rimedio.

Gli interventi sul territorio avvengono congiuntamente fra volontari, ASM i cui dipendenti aprono i sacchi per individuare i responsabili ed i vigili urbani che sanzionano gli eventuali colpevoli. Un ringraziamento particolare va anche ai vigili e all’ASM per i risultati conseguiti.

Commenta per primo

Rispondi