Verona Perugia playoff, Alessandro Nesta ai Grifoni, bisogna crederci…

 
Chiama o scrivi in redazione


Verona Perugia playoff, Alessandro Nesta ai Grifoni, bisogna crederci...

Verona Perugia playoff, Nesta ai Grifoni, bisogna crederci, tutto può succedere

Verona Perugia playoff, Nesta ai Grifoni, bisogna crederci, tutto può succedere
Elio Clero Bertoldi

da Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – “Bisogna crederci, tutto può succedere”. Alessandro Nesta ed i suoi giocatori sono partiti dalla stazione Termini di Roma (dove sono stati in ritiro) per Verona, per disputare i preliminari dei playoff (domani, sabato, ore 21). Il Perugia, ottavo in classifica (dopo la retrocessione all’ultimo posto del Palermo) ha un solo risultato a favore: la vittoria. Anche il pareggio farebbe proseguire la corsa alla formazione di Aglietti. Chi vince affronterà il Pescara.

© Protetto da Copyright DMCA

La squadra sta bene ed é pronta. Ci siamo preparati – ricorda l’allenatore – senza tener conto degli avvenimenti di questi giorni (cioè, ricorsi e contro ricorsi, nda) e sicuri che si sarebbe giocato. Per noi la partita é una grande opportunità e vogliamo sfruttarla al massimo“.
In campionato con la squadra veneta i grifoni hanno perso sia all’andata sia al ritorno.

Sono state due partite diverse – rimarca il tecnico romano – Molto diverse. Tra l’altro loro hanno pure cambiato allenatore. Noi dobbiamo attuare quello che sappiamo fare. Al di là delle strategie del nostro avversario. Dovremo avere coraggio. La partita dovrà essere impostata pensando a cosa può mettere in difficoltà il Verona”.

Insomma, Nesta, chiede ai suoi di ripetere la partita giocata contro la Cremonese, in cui sono stati messi in mostra “personalità, aggressività, determinazione”.

I precedenti non sono certo favorevoli: al Bentegodi gli umbri hanno perso nove volte, si sono imposti tre volte ed hanno pareggiato in otto occasioni. I successi del Perugia negli anni Settanta sono stati raggiunti con una doppietta di Renato Curi e negli anni Novanta con una rete di Milan Rapajc. Chi vorrà seguire il loro esempio?

Chiamato a ricordare i play-off dell’anno scorso (contro il Venezia) Nesta risponde: “Non penso a quello che è successo la stagione passata. Dobbiamo essere positivi perché quello che sarà non dipende dall’anno scorso, ma da quello che faremo domani… Non partire da favoriti ci aiuta: gli altri hanno più pressione di noi. Se ce la giochiamo abbiamo chance di andare avanti perché le qualità le abbiamo. Non ho raccontato ai ragazzi la storia della Danimarca dell’Europeo del 1992, ma ho ricordato loro che nella mia carriera da calciatore ogni grande vittoria è stata decisa da un episodio che ha cambiato la stagione. Un anno contro l’Ajax al novantesimo minuto ero fuori dalla Champions League, poi segnammo e la fiducia acquisita ci permise di vincere la coppa. Al Perugia può capitare la stessa cosa”.

Nesta non potrà contare su Melchiorri, Bordin e Kingsley. In campo verrà utilizzata la tecnologia del Var.

Probabile formazione:

Gabriel; Rosi, Gyombér, El Yamiq, Falasco; Kouan, Carraro, Dragomir; Verre; Vido, Sadiq. A disp.: Bizzarri, Perilli, Felicili, Mazzocchi, Bianco, Sgarbi, Cremonesi, Pavlovic, Ranocchia, Falzerano, Moscati, Han.
L’arbitro sarà Pezzuro di Lecce.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*