Vally Giovannelli è campionessa d’Italia di sciabola

Il trionfo di Riccione riporta l’umbra in vetta, sei anni dopo quello nell’under-14

 
Chiama o scrivi in redazione


Vally Giovannelli e’ campionessa d’Italia di sciabola

Vally Giovannelli è campionessa d’Italia di sciabola

Il trionfo di riccione riporta l’umbra in vetta, sei anni dopo quello nell’under-14 Il titolo di campione d’Italia 2021, nella categoria Giovani di sciabola femminile, torna in Umbria grazie alla vittoria dalla diciannovenne Vally Giovannelli, in forza al Frascati Scherma. Un successo importante quello dell’atleta allenata dal maestro Andrea Aquili, ottenuto il 12 maggio scorso al PlayhallPalasport di Riccione dove fino al 20 maggio saranno in corso i Campionati italiani di scherma.

L’ultima volta, nel 2018, lo stesso titolo era stato conquistato dalla ternana Lucia Lucarini, sempre per il Frascati Scherma e atleta delle Fiamme Rosse.Nel 2015 era stata ancora Vally a conquistare il tricolore nazionale nella categoria U-14 del Gran Premio Giovanissimi per l’Accademia Drago Scherma di Terni del presidente Corrado Crovari. Da bambina fino alla categoria Allieve, come la Lucarini e Chiara Crovari, anche la neo campionessa italianaè cresciuta nei club ternani.

In finale Giovannelli ha superato l’avversaria della Champ Napoli, Mariella Viale, giovanissima rivelazione del torneo, per 15 a 13; in semifinale aveva già battuto Michela Landi del Club scherma Napoli per 15 a 11.Altra terza classificata Maddalena Vestidello del Petrarca Scherma Padova, superata dalla Viale per 15 a 9. La sorella sedicenne di Vally, Amelia, ha chiuso la stessa gara all’ottavo posto nazionale, dopo un infortunio alla caviglia nell’assalto, proprio contro Vally, per accedere alla semifinale.

«È stato il torneo della ripartenza dopo lo stop obbligato dalla pandemia», ha detto il suo allenatore Aquili, «e Vally ha subito centrato l’obbiettivo più importante, il gradino più alto del podio nel suo ultimo anno nelle competizioni giovanili prima di entrare nella categoria Assoluti. L’emergenza Covid non è stato un periodo semplice per nessun atleta. Allenarsi normalmente per diverse ore al giorno, senza avere l’obbiettivo della gara per oltre un anno, è forse stata la sfida più dura da vincere per molti di loro».

«Ringrazio soprattutto il mio maestro Andrea Aquili», sono state le prime parole pronunciate a caldo davanti ai microfoni dalla Giovannelli. «Vorrei dedicare questa vittoria a mio nonno Alberto, scomparso nell’agosto del 2020», ha proseguito, «lui è stato sempre molto orgoglioso di me e dei miei successi sportivi». Nel palmarès dell’atleta umbra, che ha studiato a Collevalenza e a Todi prima di trasferirsi al liceo classico “Marco Tullio Cicerone” di Frascati (oggi frequenta l’università di Tor Vergata), ci sono anche tre medaglie internazionali (due ori e un bronzo) ai Campionati del Mediterraneo del febbraio 2018 svoltisi al Cairo, un bronzo nel Campionato nazionale assoluti a squadre ottenuto a Palermo nel giugno 2019, un altro bronzo individuale al Campionato italiano U23 del novembre 2018, un argento nella Coppa Italia a squadre del settembre 2019 vinto ad Anzio e vari podi nelle gare nazionali sin dalla categoria Cadetti. Vally, nata ad Assisi, si reca a Massa Martana nei fine settimana, dove vivono sua nonna che porta il suo stesso nome, i suoi zii Marco e Nicoletta e i suoi cugini Edoardo e Elisa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*