Nuovo stadio Renato Curi, un sogno che, forse, diventerà realtà

Nuovo stadio Renato Curi, un sogno che, forse, diventerà realtà

Il presidente del Perugia Massimiliano Santopadre e gli imprenditori che volevano costruire il nuovo stadio Curi ieri hanno incontrato il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, e l’assessore allo sport Clara Pastorelli. L’incontro cominciato a mezzogiorno circa è terminato un’ora e mezza dopo. Erano presenti Gianpiero Romani (Prometheus), Mauro Ricci (Enytime), Attilo Matarazzo dg del Perugia, il presidente Massimiliano Santopadre, Gino Zavanella, Riccardo Cefarelli, e Francesco Lana (costruttore) che è il referente della cordata. Non c’erano Claudio Umbrico di Sea, Mirco Campagnoli (Centro Impianti), Alberto Bertani (settore immobiliare, Reggio Emilia) e Giulio Benni (King Sport). Con Romizi e Pastorelli il segretario generale e fresco dg, Francesca Vichi, la vice segretaria Francesca Cesarini, il responsabile degli impianti sportivi Paolo Felici e del bilancio Stefano Baldoni. Lo scrivono i quotidiani locali di oggi: La Nazione, Messaggero e Corriere dell’Umbria.

Francesco Maria Lana ha introdotto il senso della visita, poi sono state proiettate alcune slide del nuovo impianto dall’architetto Gino Zavanella e successivamente alcune schede tecniche.

E’ stata una presentazione generica, nessun documento economico e finanziario è stato illustrato. Tra due settimane la cordata dovrebbe presentare ufficialmente le carte.



«L’incontro sul nuovo stadio è stato propedeutico alla presentazione del project financing da parte degli imprenditori. Ci è stata fatta una introduzione e la presentazione generica del progetto, peraltro apprezzata, ma il momento rilevante sarà quello del deposito in Comune delle carte. E’ certamente positivo che ci siano soggetti interessati a investire sullo stadio, ma per una valutazione seria e approfondita bisognerà attendere la documentazione completa». Sole le parole del sindaco Andrea Romizi dette dopo l’incontro.

Il direttore del Comune, Francesca Vichi, ha illustrato quali dovrebbero essere i passi formali. La società non è stata ancora formalizzata, questo sarà fatto la prossima settimana. Si chiamerà «Arena Curi srl», con capitale sociale di 300mila euro. Pare sia stato anche ipotizzato un impegno economico del Comune.

Il progetto del nuovo stadio è firmato dallo studio Gau Arena Zavanella, stesso studio dello Juventus Stadium di Torino.

L’operazione potrebbe costare sopra i 70 milioni di euro e il nuovo stadio dovrebbe avere una capienza da almeno 20mila posti. Una volta presentata dalla società proponente la richiesta di project finacing ai sensi delle legge stadi per la costruzione del nuovo Curi, il Comune avrà 60 giorni per la dichiarazione di pubblico interesse dell’intervento. Poi verrà pubblicato il bando che resterà aperto per sei mesi. I lavori, se ci sarà il via libera, cominceranno tra un anno.

L’attuale stadio Curi di acciaio, tenuto in piedi con i bulloni fu costruito in quattro mesi (giugno-settembre 1975) con tre turni di lavoro giornalieri. Costo 379 milioni di lire, meno di 200mila euro attuali. Vent’anni sono passati quando Gaucci nel 2003 presentò un progetto elaborato dalla perugina Area Progetto Associati. Un modello che non fu realizzato perché saltò l’accordo con il Comune. Dopo Gucci nel 2007 i fratelli Silvestrini con un’idea da 100 milioni, ma fu un nulla di fatto. Poi Leonardo Covarelli con un’ipotesi di allargarlo anche a residenza universitaria, ma anche in questo caso l’idea fallì. E oggi Santopadre ci riprova stavolta con una squadra di finanziatori. Nel tempo anche soggetti esterni alla società hanno prodotto progetti. Nel 2009 Max Maltese con Firenze biancorossa, nel 2014 tesi di laurea di Riccardo Cefarelli, lavoro presentato nel corso di laurea Ingegneria Edile-architettura. Nel 2015 altro progetto di riqualificazione nella tesi di Livio Fratini; nel 2018 l’architetto perugino Giovanni Pulcioni ha messo a punto un progetto sotto forma di tesi di master da 40-50 milioni; infine nel 2020 Federico Ceccarini che ha redatto una tesi a Scienze agrarie. 

Nuovo stadio Perugia calcio, 18mila posti, imprenditori dal sindaco 🔴

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*