Gala Sport ancora a sostegno di Camplone

Nuovo appuntamento con Gala Sport, l’approfondimento del martedì di Tef Channel. Di scena alla pizzeria “Bella Ischia”, in via Soriano a Sant’Andrea delle Fratte, Andrea Sonaglia e i suoi ospiti, Ettore Bertolini, Alessandro Antonini, Stefano Vinti, Daniele Orlandi e il Ds Domenica Sfrappa, hanno come di consueto affrontato le tematiche relative al Perugia Calcio. A partire dalle vicende di mercato e in particolar modo a quelle che riguardano la trattativa con Matteo Ardemagni. Il centravanti ex, tra le altre, di Modena, Cittadella e Padova, rischia di non arrivare a Perugia per volontà dell’Atalanta, intenzionata a lasciarlo in prestito allo Spezia dove esiste un accordo economico sul riscatto in caso di promozione in serie A. “Speriamo che la situazione si risolva – ha dichiarato lo studio – ma resta da capire come mai questa problematica sia venuta fuori solo alla fine. Ardemagni è un buon attaccante, anche se nelle ultime due stagioni non ha fatto vedere grandi cose. Se la trattativa con l’Atalanta non si riuscirà a sbloccare, Santopadre e Goretti dovranno avere in mano un piano B: quella del centravanti è una necessità tecnica che il Perugia deve assolutamente assolvere”. Altro argomento piuttosto dibattuto, quello relativo al tecnico Camplone, protagonista di un acceso diverbio con il Ds Goretti prima della sfida casalinga contro il Bari. Secondo una ricostruzione diversa da quella esposta dallo stesso dirigente lunedì a “Fuori Campo”, trasmissione di Umbria Tv condotta da Riccardo Marioni, la discussione sarebbe nata per questioni di carattere tecnico che avrebbero portato l’allenatore ad andarsene, per poi essere richiamato. “Il lavoro di Camplone non può essere messo in discussione. Ha ottenuto il massimo con una squadra incompleta, che con il trascorrere delle settimane sta evidenziando delle falle  non solo in attacco. Il rispetto dei ruoli è fondamentale in una società professionistica. Goretti è un buon dirigente ma deve rendersi conto che in estate ha fatto cose buone e altre meno. Gettare la croce addosso a Camplone, adesso è troppo facile”. Chiusura dedicata alla trasferta di Catania. “Avversario in salute e rinvigorito dal mercato. Sarà dura, ma serve assolutamente un risultato positivo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*