Nozze d’argento al Residence Chianelli, Giuseppe e Stefania hanno celebrato i 25 anni

Nozze d’argento al Residence Chianelli, Giuseppe e Stefania hanno celebrato i 25 anni

Nozze d’argento al Residence Chianelli, Giuseppe e Stefania hanno celebrato i 25 anni

PERUGIA – Nozze d’argento al Residence “Daniele Chianelli”. Giuseppe e Stefania hanno festeggiato il traguardo dei 25 anni di matrimonio nella struttura protetta per pazienti in cura ambulatoriale che li ospita da alcuni mesi. Giuseppe infatti è seguito presso il reparto di Ematologia con Trapianto di midollo osseo con Trapianto di midollo, diretto dal professor Brunangelo Falini, dove è stato sottoposto a trapianto di midollo osseo. La cerimonia, celebrata da padre Luigi, frate francescano che opera all’interno del reparto, supportando malati e familiari, si è svolta presso la sala della Bomboniera del Residence alla presenza di tutti gli ospiti della struttura che con calore e affetto si sono stretti accanto alla coppia.

Giuseppe e Stefania sono arrivati a Perugia da San Marzano, in provincia di Salerno e vivono qui da diversi mesi dopo che Giuseppe è stato sottoposto al trapianto, nonostante la lontananza da casa e l’assenza di figli e familiari, non hanno voluto rinunciare a festeggiare l’importante traguardo delle nozze d’argento e lo hanno fatto con la grande famiglia del Residence, pazienti e familiari, con cui condividono tante emozioni, paure, ma anche momenti di gioia. “L’amore – ha detto padre Luigi nella sua omelia – ha un grande potere: accende la forza e permette di fare cose che sembrano impossibili. E così è l’amore tra voi, Stefania e Giuseppe, e tra tutti i presenti. Gli angeli a volte sono in carne ed ossa”.

“Questa struttura – ha detto Franco Chianelli al termine della cerimonia – è nata dall’amore per dare calore, affetto e tranquillità a chi viene nella speranza di guarire. E questo è il mio augurio per tutti che possiate tornare presto tutti a casa”. I festeggiamenti si sono conclusi con il taglio della tradizionale  torta.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*