La Consulta contro le mafie, l’Assemblea Regionale del 19 Aprile

 
Chiama o scrivi in redazione


La Consulta contro le mafie, l’Assemblea Regionale del 19 Aprile

Con la presente, il Coordinamento Studentesco delle Consulte dell’Umbria, comunica che il giorno 19 Aprile 2021 dalle ore 10 alle ore 13 si è tenuta l’Assemblea Regionale intitolata “La Consulta contro le mafie”.

La stessa è stata trasmessa in diretta tramite il canale Youtube: “Consulta Provinciale degli Studenti di Perugia”, mentre la realizzazione è stata gestita dalla società Promovideo. L’assemblea ha avuto inizio con i saluti e i ringraziamenti del Presidente tuderte Samuele Tomasselli e del suo collega Lorenzo Prelati, i due moderatori della diretta. Segue l’intervento della Dott.ssa Pitoni, la quale porta i saluti dell’intero Ufficio Scolastico Regionale, ringraziando gli ospiti “di eccellenza etica” per “aver accettato con caparbietà e senza stancarsi mai di incontrare tutti gli studenti italiani, condividendo con loro ideali di legalità”.

Il primo ospite intervistato dai ragazzi è Sergio De Caprio, conosciuto con il nome “Capitano Ultimo”, il quale è stato a capo dell’unità crimor dei ROS dei Carabinieri, e noto per aver arrestato Totò Riina il 15 gennaio 1993. Al capitano sono state poste varie domande riguardo la lotta che tutti i giorni fa contro la mafia e come in questo periodo di pandemia si è battuto ancora per non lasciare indietro i meno fortunati fondando e prestando servizio nella casa famiglia “volontari capitano ultimo di Roma”.

Capitano Ultimo identifica inoltre come promotore e simbolo della lotta contro la mafia il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa scomparso ormai 41 anni or sono nella strage di via Carini. “Questi mafiosi sono vigliacchi, è gente vile, perché praticano la violenza tanti contro uno, ma nel momento in cui li vai a prendere hanno paura di morire, chiedono aiuto, tremano” queste sono le toccanti parole di Capitano Ultimo che ci ha voluto raccontare la sua esperienza dell’arresto del boss mafioso Totò Riina.

Successivamente all’intervista al capitano De Caprio, è stato mandato in diretta un video report a riguardo della lotta contro la mafia dei due magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino a cui segue l’intervista alla professoressa Maria Falcone nonché sorella dell’ex magistrato. La professoressa Falcone, dalla morte di suo fratello, porta avanti progetti di educazione alla legalità nelle scuole e nelle università in Italia e all’estero per rendere viva la memoria di Giovanni Falcone e per continuare la lotta che proprio lui aveva iniziato.

Maria Falcone durante la sua intervista sottolinea il concetto di legalità: “il valore della parola legalità è unico e non ci possono essere ambiguità; legalità significa rispettare le regole le quali sono poste non per opprimere il cittadino ma per permettere ad una società di evolversi e di poter raggiungere determinati scopi”. Successivamente alla professoressa Falcone è stata intervistata la dottoressa Francesca Ricci di “Libera Umbria”, una rete di associazioni, cooperative sociali, movimenti, gruppi, scuole, sindacati, diocesi e parrocchie, coinvolti non solo contro le mafie e chi le alimenta ma anche per la giustizia sociale e per una legalità democratica fondata sull’uguaglianza. In conclusione viene interpellato l’imprenditore napoletano Luigi Leonardi, il quale intrecciò la strada della mafia quando la camorra entrò nel suo negozio di San Vitaliano nel 2002.

Luigi scelse di rispondere denunciando tutti gli avvenimenti subiti e da anni incontra studenti in tutta Italia per parlare della sua vita da imprenditore e da lottatore contro la criminalità organizzata. Luigi Leonardi vive ormai sotto scorta da 6 anni: “vivere sotto scorta non è vita ma sopravvivenza perché vivo la giornata con maggiore serenità, però è una grandissima rinuncia alla libertà che faccio fatica ad accettare”.

L’evento si è concluso con l’intervento e il saluto del coordinatore regionale delle consulte studentesche dell’Umbria e presidente della consulta provinciale di Terni Andrea De Angelis che ha ringraziato gli ospiti per la loro presenza e la loro straordinaria cordialità. I numeri parlano chiaro, 25000 ingressi nelle tre ore dell’assemblea, toccando l’apice dei 6200 account collegati in simultanea con il primo intervento di Capitano Ultimo.

Tutte le scuole secondarie di secondo grado dell’Umbria connesse in una sola diretta YouTube, la prima in tutta Italia di questa portata. A proposito dell’evento il Presidente della Consulta Provinciale di Terni, Andrea De Angelis dichiara: “Questa attività è stata davvero apprezzata sia dagli studenti che dai docenti di tutte le scuole della Regione. Vedere tanto interesse e tanta partecipazione verso un argomento così sensibile è davvero una grande soddisfazione.

Ci tengo ancora una volta a sottolineare come Perugia e Terni in questo periodo stiano collaborando reciprocamente al fine di estendere a tutta l’Umbria le iniziative proposte dalle singole Province, aumentando il coinvolgimento dei ragazzi” Segue la posizione del Presidente della Commissione Edilizia e Ambiente di Perugia Lorenzo Prelati: “Assemblea estremamente interessante e toccante alla quale hanno partecipato attivamente migliaia di studenti, citando Giovanni Falcone, le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di noi studenti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*