Covid-19, due musicisti perugini lanciano Crowdfunding per Protezione civile

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid-19, due musicisti perugini lanciano Crowdfunding per Protezione civile

Covid-19, due musicisti perugini lanciano Crowdfunding per Protezione civile

La musica al servizio del bene comune mentre l’Italia combatte la sua battaglia contro il Coronavirus. Così nasce ‘Red zone’, il brano scritto, arrangiato e prodotto da due giovani artisti, Riccardo Adamo e Daniele Marinelli, per la campagna di raccolta fondi che hanno promosso in favore della Protezione civile.

Lunedì 16 marzo ha preso il via un crowdfunding sulla piattaforma gofundme, al quale si può accedere dal link http://gf.me/u/xq9wrm. La canzone, nata sull’onda della partecipazione emotiva all’emergenza attuale, rappresenta il primo lavoro per il gruppo che i due musicisti hanno costituito, Basement’s Glare.

Reggino di nascita e perugino d’adozione, Riccardo Adamo, si è laureato in canto lirico al Conservatorio ‘F. Morlacchi’ di Perugia. Allo studio del canto operistico ha sempre affiancato un approfondimento nel canto contemporaneo, spaziando dal pop al metal, e affrontando diversi stili e tecniche vocali. Daniele Marinelli, perugino doc, è invece chitarrista, fonico e arrangiatore, diplomato in chitarra classica nello stesso Conservatorio. Lo studio dello strumento, accanto alla sua attività di fonico, continua a far parte della sua formazione grazie a masterclass e corsi di perfezionamento.

La loro opera, ‘Red zone’, “è un grido di allarme, ma anche un barlume di speranza – si legge nel testo che descrive l’iniziativa –, affinché ne possiamo uscire insieme, più forti”. Cinque minuti e dodici secondi in un crescendo emotivo aperto dalle voci che annunciano la gravità dell’epidemia e scandito dalle percussioni e dalla voce baritonale di Riccardo Adamo.

A dare il volto a questa iniziativa di beneficenza un’illustrazione dell’artista reggina Maelia, realizzata per la stessa causa: una donna che rappresenta l’Italia di oggi, in lacrime e con una mascherina a coprirne il volo, sui cui si erge minaccioso il Covid-19. Intorno a lei, braccia e mani alzate che chiedono aiuto. Aiuto è anche quello che chiedono gli artisti a favore di chi oggi è in prima linea, accanto ai sanitari, per combattere il virus che ha cambiato la vita di tutti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*