Allerta sociale in Umbria, 2500 famiglie perdono reddito cittadinanza

Il Consigliere Regionale Thomas De Luca (M5S) denuncia la situazione

Allerta sociale in Umbria, 2500 famiglie perdono reddito cittadinanza

Allerta sociale in Umbria, 2500 famiglie perdono reddito cittadinanza

Allerta sociale Umbria – Circa 2.500 nuclei familiari dell’Umbria hanno subito la revoca del Reddito di Cittadinanza, un provvedimento comunicato in modo repentino attraverso messaggi di testo, in seguito alle disposizioni della Legge di Bilancio. Questa situazione si presenta come una potenziale bomba sociale, dato che l’esclusione dal beneficio tiene conto solo del requisito di occupabilità e non considera le diverse situazioni di marginalizzazione sociale, che avrebbero necessitato di un approccio più integrativo al sussidio. Il governo ha annunciato l’implementazione di varie misure di politiche attive per aiutare i cittadini che hanno perso il Reddito di Cittadinanza, ma queste misure sono ancora lontane dall’essere pronte ed efficaci.

Secondo quanto dichiarato dal consigliere regionale Thomas De Luca (M5S), il programma chiamato Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori (GOL) è una di queste misure, inserita nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), che mira a ristrutturare i servizi di politica attiva del lavoro. Tuttavia, la Regione Umbria sta in pratica ostacolando l’inserimento lavorativo di coloro che hanno perso il Reddito di Cittadinanza. Le linee guida necessarie per implementare il programma GOL, che si concentra sulle persone più vulnerabili, non sono ancora state approvate e le strade verso la riqualificazione lavorativa rimangono bloccate. Questa situazione coinvolge migliaia di individui che si trovano ora senza reddito e senza un percorso chiaro per il reinserimento nel mondo del lavoro.

De Luca sostiene che questa situazione di incertezza potrebbe portare a una crisi, con migliaia di residenti dell’Umbria intrappolati in una condizione senza sbocchi, abbandonati al loro destino dopo essere stati esclusi dal Reddito di Cittadinanza. Queste persone si trovano in una situazione difficile, senza alcuna via d’uscita, e affrontano sfide significative nel trovare un’occupazione adeguata. L’obiettivo del percorso 4 del programma GOL, chiamato “Lavoro e Inclusione sociale”, dovrebbe essere proprio quello di supportare queste persone e affrontare le loro sfide specifiche.

De Luca ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale per chiedere come verranno supportati i Centri per l’impiego nell’affrontare le situazioni più complesse e disagiate, coinvolte nel percorso 4 del GOL. Chiede inoltre chiarimenti sulle modalità di gestione dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza che si rivolgono ai Centri per l’accesso al “Supporto per la formazione e il lavoro”. Infine, De Luca esorta la Regione Umbria a velocizzare la pubblicazione delle linee guida per il percorso 4, poiché finora non sono state prodotte, a differenza degli altri percorsi. De Luca conclude affermando che questa situazione potrebbe creare i presupposti per una crisi esplosiva, con persone in gravi difficoltà che potrebbero trovarsi costrette al lavoro nero, divenendo così vulnerabili alle influenze negative della criminalità organizzata e della disperazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*