Vaccini, anticipo seconde dosi, meno disagi, anche in vista delle ferie estive

 
Chiama o scrivi in redazione


Vaccini, anticipo seconde dosi, meno disagi, anche in vista delle ferie estive

Sono 9.148 i messaggi inviati ai cittadini dalla Regione Umbria con l’invito ad anticipare la somministrazione della seconda dose di vaccino. Dei soggetti contattati, solo 2339 al momento, quindi il 25 per cento, hanno dato l’adesione ad anticipare la seconda dose.

Al momento gli sms sono stati inviati prioritariamente ai soggetti estremamente vulnerabili e fragili e a tutti coloro che, per motivi di salute o esigenze comprovate e urgenti, ne avevano fatto richiesta. In questa prima tranche sono ricompresi solo coloro che avrebbero dovuto ricevere la seconda dose entro il 21 luglio.

Tutti gli altri soggetti, con priorità per le fasce più a rischio, prenotati dopo il 21 luglio e che avevano già inoltrato la richiesta di anticipare la chiusura del ciclo vaccinale (all’incirca 7000), riceveranno dal 15 di luglio un sms con indicata la procedura da espletare sul portale regionale per spostare l’appuntamento anticipandone la data.

I prenotati dopo il 21 luglio che non avevano fatto richiesta di anticipazione potranno farlo sul portale dedicato attraverso la procedura che sarà comunicata prossimamente e, sempre nei limiti delle dosi disponibili, potranno anticipare l’appuntamento.

“Questo iter – ha spiegato il commissario per l’emergenza covid, Massimo D’Angelo – è stato scelto anche in considerazione del fatto che si vuole lasciare ai cittadini l’opzione di scegliere tra più date per creare meno disagio possibile, anche in vista delle ferie estive.

I turisti che chiedono di vaccinarsi in Umbria vengono presi in carico, ma si darà la possibilità di effettuare la vaccinazione solo se ci saranno le dosi disponibili. I residenti che hanno fatto la prima dose fuori regione per lavoro, per studio o perché sono andati a fare un vaccine day, verranno presi in carico per fare la seconda dose organizzandole per il tempo massimo possibile in relazione alle disponibilità di vaccino.

In questo mese la programmazione – spiega il commissario per l’emergenza covid in Umbria, Massimo D’Angelo –  vista la rimodulazione delle dosi consegnate dal governo centrale, è orientata solo per la somministrazione di seconde dosi e comunque si dovrà  prima garantire chi ha fatto la prima dose in Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*