Due morti improvvise durante sagre, e il progetto cuore di Camicia?

Due morti improvvise durante sagre, e il progetto cuore di Camicia?

Due morti improvvise durante sagre, e il progetto cuore di Camicia?

Due morti improvvise nelle ultime settimane, una a Canneto e l’altra a Casa del Diavolo, sempre durante le sagre.

«A Canneto anziano muore d’infarto, mentre partecipava ad una manifestazione organizzata dagli esercenti del quartiere. Nell’esprimere vicinanza  alla famiglia della persona deceduta, si ribadisce che nella nostra città non c’è prevenzione cardiovascolare e che anche i defibrillatori potrebbero fare la differenza tra la vita è la morte». Sono le parole del dottor Carmine Camicia, da sempre impegnato sul fronte della formazione destinata a prendere dimestichezza con i defibrillatori.

Due morti improvvise durante sagre, e il progetto cuore di Camicia?
Dr. Carmine Camicia

«L’amministrazione Romizi – continua – non ha mai creduto al Progetto cuore del comune di Perugia. Un progetto che doveva rendere la città cardioprotetta e che doveva formare i laici al fine di poter effettuare le manovre salvavita che comunque avrebbero dato un minimo di speranza alle persone colpite da arresto cardiaco».

«Il progetto cuore – annuncia Carmine Camicia -, oltre ad installare defibrillatori, aveva in programma la formazione dei laici partendo dalla scuola, al mondo del lavoro e la manutenzione delle colonnine.  Il Sindaco nel 2014 aveva nominato un consigliere che doveva vigilare sul progetto e ampliarlo, dopo il 2019 non ha ritenuto più utile dare un incarico a qualche consigliere, perché non ci credeva o forse non gli interessava. A questo punto – conclude – a distanza di  3 anni, dovrebbe avere il coraggio di far smantellare tutte le colonnine salvavita , al fine di non creare false aspettative che a volte si manifestano anche drammaticamente».
contatori

2 Commenti

  1. Ehh già, le morti improvvise esplose da un anno a venir qua, ma che il mainstream medico imputa un giorno al caldo, un giorno al freddo, un giorno alla pizza, un giorno alle emozioni,un giorno al sesso, un giorno all’ esercizio fisico, ma che mai lo correla con il non correlabile per antonomasia. Poi fanno radiare, mafiosamente, i loro stessi colleghi. Un mondo malato terminale.

  2. Caro Carmine, anche a te non hanno ascoltato i tuoi buoni consigli. In questa società è difficile farsi ascoltare. Più delle volte se dici la verità o chiedi aiuto ti fanno passare per pazza o rompi coglioni! Ciao Carmine buona campagna elettorale

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*