Covid, con l’aumento dei casi Omicron cresce anche l’ospedalizzazione

Covid, con l’aumento dei casi Omicron cresce anche l'ospedalizzazione

Covid, con l’aumento dei casi Omicron cresce anche l’ospedalizzazione

di Bruna Almeida Paroni

L’alto numero di contagi causati dalla variante Omicron, seppur meno complicata delle altre varianti, porterebbe all’alto numero di ospedalizzazione. È quanto dichiarato dalla professoressa nonché direttrice della Clinica di malattie infettive dell’Ospedale di Perugia Daniela Francisci.

 

“I soggetti più a rischio, ha dichiarato la Francisci, potrebbero essere i più colpiti, rischiando, appunto, l’ospedalizzazione.” Secondo la professoressa, l’aumento dei ricoverati è strettamente legato all’incremento dei casi anche in Umbria.

La direttrice dell’Azienda ospedaliera di Perugia, però, allerta: anche soggetti sani ma non vaccinati sono a rischio delle complicazioni causate dal covid-19. “Possono essere le condizioni generali del paziente e non tanto la severità in sé della malattia Covid a far decidere per il ricovero”, da detto la Francisci all’Ansa. In quest’ottica, si è ribadito l’importanza di vaccinarsi e rivolgendosi soprattutto ai già vaccinati, di eseguire la dose booster.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*