Tg1 Dialogo – Le tre grandi religioni monoteiste

PADRE ENZO FORTUNATO
PADRE ENZO FORTUNATO

(UJ.com3.0) ROMA – Il processo di formazione comune alle religioni monoteistiche è consistito in un passaggio dal politeismo al monoteismo, configuratosi non come evoluzione dalla prima alla seconda forma, bensì come negazione del politeismo. Nell’ebraismo, Yahwèh non è inizialmente che un dio della stirpe ebraica, la cui esistenza non esclude in linea di principio quella delle altre divinità semitiche: il problema del rapporto tra Yahwèh e queste altre divinità si pone in modo particolare dal momento in cui il popolo d’Israele si costituisce in Stato e viene risolto in senso monoteistico soprattutto per opera del movimento profetico, che porta a una rigorosa esclusione del politeismo. Nel Deuteroisaia si ritrova la prima e più chiara espressione del monoteismo d’Israele: “Prima di me non è esistito alcun dio, e dopo di me non esisterà alcun altro: io solo sono Dio, e all’infuori di me non vi è salvatore” (Isaia 43,10/11). Il cristianesimo, che trae la propria forma monoteistica dall’ebraismo, ha assunto all’origine dalla predicazione missionaria giudaica il tema del monoteismo per la propria predicazione tra i gentili e dunque per la polemica antipoliteistica: in sé, il cristianesimo può definirsi comunque una religione originariamente monoteistica.

Il monoteismo islamico, analogamente a quello ebraico (con il quale si trova in un rapporto di dipendenza culturale, mediato da infiltrazioni giudaiche e cristiane nella penisola Araba e quindi dall’opera personale di Maometto), si è affermato sulla base di una violenta polemica contro il politeismo e l’idolatria: tali erano le forme religiose diffuse fra le tribù arabe sino al sec. VII. Allāh aveva un posto di rilievo (insieme con la divinità femminile Allāt) fra le divinità locali e tribali degli Arabi, ma non un posto esclusivo: con la negazione del politeismo diviene “il Dio unico, il Dio eterno, che non genera e non viene generato, e non ha eguali” (Corano, sura 112). Con la negazione del politeismo diffuso nell’antica Persia prima della riforma religiosa di Zarathustra si è altresì affermato il monoteismo del mazdeismo, che costituisce d’altra parte un problema particolare nell’ambito della storia delle religioni monoteistiche per la sua struttura originariamente dualistica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*