INTERVENTO DEL VESCOVO ERNESTO VECCHI AL CONVEGNO: “LA FATICA DI CRESCERE”

Mons. Vecchi

1041893-vecchi(UJ.com3.0) TERNI – Il vescovo Ernesto Vecchi, amministratore apostolico della diocesi di Terni Narni Amelia, ha partecipato questa mattina al convegno internazionale organizzato dalla cooperativa sociale Actl: “La fatica di crescere”. Nel suo saluto introduttivo ha espresso il proprio apprezzamento per l’iniziativa di grande valore ed interesse in ambito sociale e formativo.

“Per incrementare una vera capacità educativa è necessario attivare un’autentica pedagogia formativa – ha detto mons. Vecchi -, oggi si tende ad informare molto, ma non a formare veramente. Per questo bisogna impegnarsi su tre fronti: il buon uso dell’intelligenza contro l’irrazionalità dilagante, la conoscenza della verità per l’esercizio maturo della libertà e la gestione della propria capacità di amare, perché l’amore non è quello banalizzato dai mass media”.

“Non bisogna avere paura della verità, la verità è Gesù stesso come è scritto nel Vangelo: “io sono la via, la verità e la vita”. Questo ci porta a guardare alla laicità, che è la cosa più bella che possiamo conservare, se la trasformiamo nella secolarità che è “dare a Dio quel che è di Dio, e a Cesare quel che è di Cesare”.

Di qui un riferimento alla situazione politica attuale: “La democrazia, che è nata 50 anni fa, si comporta come se Dio non esistesse – ha detto mons. Vecchi – e ci ha portato all’incapacità di nominare un Presidente della Repubblica, siamo anchilosati. Abbiamo un bene comune da salvare mentre quest’Italia va a fondo”.

Una riflessione sulla situazione attuale che parte dalla storia: “L’unità d’Italia e l’abolizione dello Stato Pontificio hanno segnato la storia del nostro paese, soprattutto perchè i nostri padri dell’unità di allora, anzichè alimentare l’unico tessuto connettivo degli italiani, da Nord a Sud, rappresentato dalla religione cattolica, l’hanno combattuta – ha concluso mons. Vecchi -. Il risultato è che oggi non siamo in grado di avere uno Stato coeso per servire una Nazione che è nata ben prima dell’unità d’Italia. In questo anche la Chiesa deve intraprendere un cammino di purificazione dagli appesantimenti, perché la Chiesa è segno della trascendenza che deve accompagnare la riscoperta del senso del sacro, non come oppio del popolo, ma come soluzione dei problemi sociali, politici ed economici”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*