Il cardinale Gualtiero Basetti, affetto da covid-19, è stazionario e collabora

 
Chiama o scrivi in redazione


Il cardinale Gualtiero Basetti, affetto da covid-19, è stazionario e collabora

Il cardinale Gualtiero Basetti, affetto da covid-19, è stazionario e collabora

Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della conferenza episcopale italiana, è ancora in terapia intensiva 2 presso il Santa Maria della Misericordia di Perugia. Il porporato, comunica Simona Panzolini dell’ufficio stampa dell’azienda, “è collaborante”:

Continuano tutte le terapie mediche del caso nonché il monitoraggio multiparametrico e il supporto ventilatorio non invasivo (non è intubato).

Intanto un gruppo di quindici giovani della Pastorale universitaria dell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve, guidata da don Riccardo Pascolini, si è ritrovato poco dopo le 9 di questa mattina (giovedì 5 novembre), nella cattedrale di San Lorenzo, per raccogliersi in preghiera per il loro pastore, il cardinale Gualtiero Bassetti, per tutti i malati di Covid-19 e per gli operatori sanitari che si prendono cura di loro.

Gli universitari, accompagnati da don Pascolini, hanno iniziato il loro pellegrinaggio a piedi verso Assisi (dove giungeranno nel pomeriggio presso la Basilica inferiore di San Francesco), dopo aver sostato in raccoglimento davanti alla splendida immagine della Madonna delle Grazie, tanto cara e venerata dai fedeli, dipinta da un allievo del Perugino su una delle colonne della navata centrale della cattedrale.

Un pellegrinaggio ispirato al Salmo 91. Usciti da San Lorenzo, in piazza IV Novembre, gli universitari hanno ricevuto la benedizione dal vescovo ausiliare mons. Marco Salvi, che si è affacciato da una finestra del suo appartamento in Arcivescovado, dove si trova da alcuni giorni in quarantena essendo positivo asintomatico al Covid-19. Mons. Salvi ha avuto parole di incoraggiamento e di gratitudine per i giovani pellegrini. Un pellegrinaggio colto dal presule come «testimonianza tangibile del loro grido di speranza e di fede confidando nel Signore, sicuro rifugio nei momenti più buoi della vita di ognuno».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*