Volontari al tempo del Covid che pagano controlli? Non ci sembra giusto

 
Chiama o scrivi in redazione


Volontari al tempo del Covid che pagano controlli? Non ci sembra giusto

Volontari al tempo del Covid che pagano controlli? Non ci sembra giusto

Volontari usa e getta! Come già detto sono passati mesi, era marzo, da quando fu annunciato uno screening su tutti i soggetti maggiormente esposti che probabilmente sono o possono essere stati a contatto con casi di COVID19 ed ancora nulla, anzi non sembra affatto che la Regione abbia intenzione di farlo”: lo afferma il capogruppo del M5s, Thomas De Luca.

SINTESI
Il capogruppo del Movimento 5 stelle, Thomas De Luca, ricorda che fu annunciato a marzo uno screening sui volontari che offrono il loro contributo all’emergenza coronavirus, esponendosi al rischio di contatto con malati di Covid19 ma, secondo De Luca, non è stato fatto e i volontari dovranno pagarsi i controlli. 

Quasi 10mila umbri – spiega – tra Croce Rossa, Ambulife, Croce Verde, Anpas, Protezione civile, e non solo, sin dal primo momento di emergenza si sono messi a disposizione per il proprio territorio, a supporto di un sistema sanitario regionale in evidente affanno, mettendo a rischio la propria salute e quella dei propri cari senza pensarci neppure un momento. Non ci sembra giusto ringraziare tale altruismo facendogli pagare controlli che dovrebbero essere gratuiti, come dichiarato a marzo. Loro tra i primi dovrebbero avere il diritto di ripartire con la propria vita”.

Fino ad ora – conclude – abbiamo sentito tanta propaganda, tanto fumo negli occhi, ma di fatti concreti zero e questo è l’ennesimo spot elettorale. Ora è il momento di azioni serie, l’Umbria deve ripartire e riparta da chi ha lavorato e si è sacrificato per tutti noi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*