Tesei è presidente della regione, stravince con il 57,55%, la Lega il 37%

Tesei è presidente della regione, stravince con il 57,55%, la Lega il 37%

Tesei è presidente della regione, stravince con il 57,55%, la Lega il 37%

Si è consolidato intorno a 20 punti il vantaggio di Donatella Tesei, 57,55%, nuova presidente della Regione Umbria per il centrodestra, su Vincenzo Bianconi, 37,48, centrosinistra. Riguardo ai partiti la Lega è al 36.95%, Fratelli d’Italia al 10,40% e Forza Italia al 5,50. Il Pd si attesta invece al 22,33% il M5s al 7,41.

“Vuol dire tornare ad avere una speranza per il domani. Vuol dire aver detto no a un sistema e ad una gestione che ha costretto la regione a un lungo periodo buio”. Cosi’ in un’ intervista a Il Messaggero, Donatella Tesei, senatrice leghista e da questa notte nuova presidente della Regione Umbria, commenta il significato della vittoria del centrodestra unito sulla coalizione di centrosinistra che strappa dopo decenni di lunga egemonia la guida dell’ ente regionale alla sinistra.

Donatella Tesei ora sorride, pero’ dice anche che se l’aspettava perche’ dice che in queste lunghe settimane “nella capillare campagna elettorale che ho fatto, in ogni luogo della regione, ho avuto riscontri positivi da parte di cittadini, associazione, imprenditori” e “ho sentito da un lato una grande voglia di cambiamento, dall’altra ho avuto responsi positivi verso le nostre linee programmatiche” per cui l’ esito del voto “e’ il risultato di tutto questo”.

Per il domani, Tesei preannuncia che “bisogna invertire la tendenza che ha caratterizzato la nostra regione in questi anni” e bisogna farlo “tutti insieme, ognuno con il suo ruolo, dobbiamo rimboccarci le maniche” e “nessuno si puo’ chiamare fuori da questo processo: maggioranza, opposizione, associazioni, imprenditori, parti sociali, cittadini”.

Secondo la nuova presidente, si deve cominciare innanzitutto “con una analisi e una revisione della spesa per liberare risorse da investire per migliorare la qualita’ dei servizi a cittadini ed imprese” e “Ci adopereremo per rilanciare l’ economia, che a sua volta aiutera’ l’ occupazione” puntando “sulle enormi potenzialita’ che hanno Umbria e umbri”.

Cosi’ , dopo “concorsopoli”, lo scandalo e gli arresti che ha coinvolto i vertici della passata amministrazione, la parola d’ ordine per Tesei e’ “merito”, “merito come elemento determinante in ogni scelta”. A cominciare dalla Sanita’ pubblica, che “ha avuto ed ha ottime professionalita’ che devono essere messe nella migliore condizione possibile per lavorare” sostiene la neopresidente regionale.

“Va fatto si’ che la sanita’ umbra – aggiunge – possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l’ utenza che vi si rivolge”. E per un settore che assorbe 1′ 80% delle risorse regionali, spiega Tesei, “e’ necessaria una razionalizzazione della spesa che riesca ad ottimizzare i servizi offerti e renderli piu’ efficienti”.

Il presidente del Consiglio Conte ha paragonato l’Umbria ad una terra piccola come la provincia di Lecce, dopo i riflettori di queste settimane c’ e’ il rischio che torni la penombra? Per Donatella Tesei l’ Umbria invece “e’ una grande terra fatta di grandi persone”, e ora si tratta di far si’ che “rimanga sotto i riflettori non per sterili polemiche, ma come esempio di regione virtuosa, attrattiva per turisti ed imprenditori”. “Come un esempio da seguire”, conclude.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
14 + 26 =