Studentato di San Bevignate, nella totale inerzia della Giunta Romizi

il M5S presenta un ordine del giorno per la completa inedificabilità dell'area Una delle tante battaglie, forse non reali, contro l’allora Giunta di Centro Sinistra, dell’Assessore Barelli - eravamo in campagna elettorale - fu proprio contro il progetto

Studentato di San Bevignate, nella totale inerzia della Giunta Romizi

Studentato di San Bevignate, nella totale inerzia della Giunta Romizi

da Cristina Rosetti
Studentato di San Bevignate: nella totale inerzia della Giunta Romizi
, il M5S presenta un ordine del giorno per la completa inedificabilità dell’area Una delle tante battaglie, forse non reali, contro l’allora Giunta di Centro Sinistra, dell’Assessore Barelli – eravamo in campagna elettorale – fu proprio contro il progetto di Studentato di fronte al Complesso Templare di San Bevignate. Ma in questi tre anni e mezzo di mandato l’Assessore Barelli né altri membri della maggioranza, compresi i civici che siedono in consiglio comunale, hanno mai affrontato il tema.

Ora, sembra essere chiaro a tutti quale danno la realizzazione della struttura progettata da Adisu e Regione avrebbe potuto portare al complesso paesaggistico della preziosa area della ex Chiesa di San Bevignate. Ora, è chiaro anche che la struttura non è più necessaria alle esigenze di residenzialità degli studenti di Perugia, visto che l’Università ha da tempo dato vita ad altri progetti.

Trasparenza Pubblica Amministrazione, Rosetti, M5s, passo avanti a Perugia
Cristina Rosetti

Quindi, il M5S ritiene che eventuali controversie e/o danni che dovessero palesarsi per gli enti che in maniera, non lungimirante, avevano sposato e portato avanti il predetto progetto non possano certamente ricadere sulla città di Perugia: non si può fare una opera che non serve tanto per farla, tanto per spendere, tanto per tutelarsi.

Visto che l’Assessore Barelli ci ha da tempo abituati alle esternalizzazioni delle responsabilità e delle azioni (ha sempre colpa qualcun altro, decide sempre qualcun altro), come se il Comune non ci fosse, non contasse, il M5S ha ritenuto di depositare un ordine del giorno urgente che metta in sicurezza l’area della ex Chiesa di San Bevignate, non solamente sotto il profilo storico-architettonico, ma certamente paesaggistico.

L’ex Chiesa di San Bevignate è infatti un tutt’uno con il paesaggio che lo circonda e lo valorizza e quel paesaggio, quell’unicum deve rimanere intatto e intoccabile, con l’adozione di una variante che in contrapposizione a quella del 2007 sancisca la completa inedificabilità dell’area. Cosa farà Barelli, insieme ai suoi consiglieri, cc.dd. civici, appoggerà la proposta del M5S oppure la ostacolerà? Il Sindaco Romizi, assente, guarda caso, ad entrambe le sedute del Consiglio Comunale del 2007, in cui fu approvata la variante, si paleserà questa volta?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*