Professione mamma 6.0″, vittime di polemica sterile e distorta, solidarietà Azzurro Donna

 
Chiama o scrivi in redazione


Professione mamma 6.0", vittime di polemica sterile e distorta, solidarietà Azzurro Donna

Professione mamma 6.0″, vittime di polemica sterile e distorta, solidarietà Azzurro Donna

di Arianna Verucci
Azzurro Donna Umbria esprime piena solidarietà nei confronti delle organizzatrici della manifestazione “Professione mamma 6.0”, vittime di una polemica sterile e distorta, fatta da chi non ha avuto neanche il buonsenso di informarsi sui contenuti di un evento che ormai si ripete da anni.

Se non ci si fosse limitati a leggere il titolo della manifestazione con gli occhi del preconcetto, ci si sarebbe accorti che Professione Mamma è l’occasione in cui si affrontano i problemi quotidiani che ogni famiglia, ed in particolare ogni mamma, si trova ad affrontare: dalla conciliazione dei tempi vita-lavoro al welfare, all’accesso ai nidi, all’educazione dei propri figli nelle varie fasi della propria vita e, perché no, a scoprire modi veloci per fare delle cene o trucchi naturali per sembrare un po’ meno distrutte al termine di ogni giornata.

  • Perché una donna, una madre, è tutto questo e lo è contemporaneamente: è professionista, è lavoratrice, è casalinga, è maestra, è confidente, è allenatrice, è tassista… insomma, in una parola, è mamma.

Questo genere di manifestazioni non riportano affatto l’immagine della donna indietro di 60 anni, ma sono la dimostrazione plastica dell’enorme forza delle mamme che con sacrificio e amore superano gli ancora numerosissimi ostacoli che questa società mette lungo il loro cammino.

Arianna Verucci
La parità di genere non si fa aggiungendo la vocale A in fondo alle parole; termini come Presidenta, Assessora, Ministra così tanto care alla sinistra, nulla aggiungono alla vita quotidiana di tante donne ancora costrette a scegliere tra il proprio lavoro e la propria maternità.
E’ solo conoscendo il mondo delle donne, i problemi reali, le esperienze vissute, che si possono mettere in atto politiche che assicurino una parità di genere sostanziale e non solo stuccosamente ed inutilmente formale.

Azzurro Donna intende muoversi proprio in questo senso; dare voce alle donne, alle loro necessità concrete mettendo in atto politiche che consentano di risolvere i problemi veri, che vietano ancora oggi alle donne di poter concorrere ad armi pari con gli uomini.
Donne e uomini insieme per liberare le energie positive del 50 per cento della società. Quel 50 per cento che, per natura, “genera, crea, accudisce, include”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*