Francesco Pocaforza, Lega, rilanciare mattatoio per valorizzare il made in Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Francesco Pocaforza, Lega, rilanciare mattatoio per valorizzare il made in Terni

Francesco Pocaforza, Lega, rilanciare mattatoio per valorizzare il made in Terni

“Il rilancio del mattatoio di Terni è nei piani dell’amministrazione comunale, una struttura funzionale è fondamentale, non solo per gli allevatori ternani, ma anche per quelli del comprensorio, altrimenti costretti, per macellare le loro carni, a recarsi ad Orte o a Massa Martana, con un notevole aggravio sui costi”: ad affermarlo è il consigliere comunale della Lega, Francesco Pocaforza. “Siamo convinti – continua Pocaforza – che un mattatoio efficiente, che lavori a pieno regime, sia un volano anche per la valorizzazione dei prodotti a km zero e che questo, possa avere una ricaduta importante sul territorio anche in termini occupazionali”

© Protetto da Copyright DMCA

Essendo titolare di un’azienda agricola – aggiunge il leghista – conosco il settore e grazie ad un’interlocuzione costante con gli agricoltori diretti della zona e con le associazioni di categoria, sono emerse con chiarezza le criticità della struttura esistente. E’ necessario accorciare il più possibile la filiera che va dal produttore al consumatore, assicurando così la migliore qualità ad un prezzo congruo.

Non possiamo perdere l’opportunità di rilanciare questo comparto, che in provincia di Terni coinvolge molte microimprese – continua il consigliere del carroccio- l’obiettivo è quello di tutelare e valorizzare il più possibile i prodotti locali, la nostra enogastronomia e le nostre eccellenze culinarie, affinché i ternani e non solo, possano avere sulle loro tavole, la qualità e la garanzia di un cibo coltivato o allevato a pochi passi da casa” “Insieme al Sindaco Latini e a tutti gli assessori – conclude Pocaforza- stiamo valutando le opzioni da mettere in campo, a partire dal bando del palazzetto dello sport che prevede anche una nuova struttura del mattatoio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*