Fiorini (Lega) difende l’ordinanza anti accattonaggio e attacca chi pensa a poveri e ultimi

Società Consortile Valnerina Biomasse, Fiorini, come sono stati impiegati i fondi erogati?

Fiorini (Lega) difende l’ordinanza anti accattonaggio e attacca chi pensa a poveri e ultimi “Vogliamo smantellare il racket che si nasconde dietro parcheggiatori abusivi e accattoni molesti e allo stesso tempo garantire legalità e sicurezza ai cittadini, chi sostiene il contrario o non capisce la gravità della situazione o sta strumentalizzando la nostra azione politica”. Il consigliere comunale e regionale della Lega, Emanuele Fiorini, promotore dell’ordinanza anti accattonaggio emanata di recente dal sindaco Leonardo Latini, risponde alle accuse rivolte al documento.

“Una città che vota Lega è una città che chiede misure decise per contrastare il degrado e l’illegalità – dice Fiorini – Voglio spiegare a chi ci attacca che l’ordinanza non punisce i poveri, gli ultimi o i bisognosi, persone verso le quali il Comune di Terni e il tessuto associativo e del volontariato cittadino riservano sempre grande attenzione, ma vuole colpire il racket che si nasconde dietro a parcheggiatori abusivi e accattoni molesti.

Basta grattare la superficie per rendersi conto di alcuni particolari molto importanti, come, ad esempio, il fatto che gli stranieri all’esterno di bar o supermercati sono sempre gli stessi e che arrivano e se ne vanno sempre agli stessi orari, quasi ad eseguire un “orario lavorativo” ben preciso imposto da qualcuno. Stesso discorso per i parcheggiatori abusivi che a volte minacciano, inseguono, molestano verbalmente i cittadini e che, a fine giornata, si recano negli esercizi commerciali per cambiare oltre 70-80 euro in monete.

Tutto questo, a noi, non sembra normale. A qualcun altro, evidentemente, sì. L’ordinanza non piace agli ambienti di sinistra che finora hanno sempre tenuto un atteggiamento superficiale sul tema della sicurezza, troppo permissivo con le cooperative e indifferente di fronte al diffondersi dell’immigrazione irregolare sul territorio e non piace alla Cgil che attacca senza criterio un provvedimento, come quello contro l’accattonaggio, stravolgendone completamente il senso.

La Lega è dalla parte della legalità e del decoro e mai potremo tollerare l’esistenza di un racket che sfrutta i più deboli, i poveri, quelle classi sociali che qualcuno, facendo finta di difendere, in realtà, penalizza. Un suggerimento ai cittadini che pensano di aiutare queste persone: offritegli del cibo, non del denaro. Chi è sfruttato dal racket, pur dichiarando di avere fame, accetta solo denaro”.



 

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
6 − 4 =