Elezioni Terni, Thomas De Luca, M5s, orti urbani e contaminazione

M5s Terni, dopo tasse al massimo arrivano tagli ai servizi, "prima i ternani"

da Thomas De Luca
TERNI – Elezioni Terni, Thomas De Luca, M5s, orti urbani e contaminazione Ancora una volta i cittadini ternani hanno potuto contare nel nostro impegno sul fronte ambientale per veder tutelata la loro salute.  Nessuna coltivazione alimentare, nessun orto urbano nei terreni contaminati da metalli pesanti, nessun rischio correlato alla sicurezza alimentare sulle nostre tavole. Il 12 settembre scorso il Consiglio comunale, con la delibera n°235/2017, aveva approvato un atto d’indirizzo del MoVimento 5 Stelle volto ad escludere categoricamente, dai siti destinati alla realizzazione degli orti urbani, «…l’area di Via dell’Argine in quanto, come attestato da ARPA Umbria, risulta essere ricompresa tra le aree di massima ricaduta delle polveri del polo siderurgico». Una chiara dimostrazione di come sia il cambiamento del paradigma culturale, anche nei piccoli interventi, a poter fare la differenza. Sono estremamente soddisfatto della scelta dell’amministrazione e degli uffici di aver coerentemente proceduto con questo indirizzo.

Leggi anche: Thomas De Luca, candidato sindaco Terni per il movimento 5 Stelle

Thomas De Luca, candidato sindaco Terni per il movimento 5 StelleIn questa nuova visione si inserisce il nostro progetto volto al rilancio dell’industria chimica a Terni. Credo fermamente che il nostro territorio urbano e periurbano, soggetto a contaminazione ambientale passiva, possa diventare il più grande laboratorio a cielo aperto per l’innovazione tecnologica applicata alla sostenibilità ambientale. Possiamo farlo attraverso la riconversione delle colture agricole non alimentari a scopo industriale.  Il futuro della chimica non può che passare attraverso la bioeconomia.

Bioplastiche e biopolimeri

Una filiera connessa alla produzione e alla verticalizzazione di bioplastiche e biopolimeri, di fibre tessili naturali e della manifattura additiva 4.0 basata su materie prime di natura organica. Una pianificazione territoriale sviluppata su due assi portanti: la reindustrializzazione sostenibile e la bonifica del territorio.

Una chiusura del ciclo volta ad incentivare e sostenere la ricerca e la sperimentazione nell’applicazione di organismi vegetali, in grado di fitorisanare i terreni contaminati includendoli nei processi produttivi. Numerosi sono i tipi di piante applicabili con proprietà e caratteristiche diverse che le rendono eterogeneamente idonee all’uso, in base ai diversi contaminanti. Tra queste ci sono il girasole (Helianthus annuus – Pb, Cd, Cr, Ni) e la canapa (Cannabis Sativa – Pb, Cd, Cr, Ni, Zn, organici), piante storicamente radicate nella nostra cultura tradizionale (Jutificio Centurini) e nel nostro territorio.

l Comune di Terni a 5 stelle metterà a disposizione le aree di sua proprietà

Il Comune di Terni a 5 stelle metterà a disposizione le aree di sua proprietà, contaminate o ad alta presunzione di contaminazione, nelle aree del sito di interesse nazionale e nei siti regionali, le aree a verde pubblico, i parchi pubblici per la coltivazione-fitorisanamento della città.
La Regione Umbria deve includere nella programmazione del Piano di Sviluppo Rurale incentivi economici per i privati che intenderanno avviare le colture non alimentari finalizzate allo stesso scopo.
Un partenariato pubblico privato in grado di avanzare un progetto ad altissima innovazione ambientale nella programmazione europea LIFE e HORIZON 2020.

Thomas De Luca – Candidato Sindaco M5S Terni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*