Elezioni, Bori, abbiamo messo in campo la nostra squadra

Pd deposita le liste in vista delle elezioni politiche

Elezioni: Bori, abbiamo messo in campo la nostra squadra

Elezioni: Bori, abbiamo messo in campo la nostra squadra

Il Partito democratico ha depositato questa mattina le liste dei candidati alle elezioni politiche del 25 settembre. Sei i candidati alla Camera (Anna Ascani, Pierluigi Spinelli, Claudia Ciombolini, Lorenzo Ermenegildi Zurlo al proporzionale, Francesco De Rebotti e Stefano Vinti all” uninominale), tre al Senato (Walter Verini e Manuela Pasquino al proporzionale e, per la coalizione all” uninominale, il segretario regionale del Psi Federico Novelli).

“Abbiamo messo in campo la nostra squadra – sottolinea il segretario regionale del Pd, Tommaso Bori – che avrà il compito, in queste settimane, di raccontare il nostro progetto e di dare gambe alla proposta per un Paese più giusto e più inclusivo. Un obiettivo ambizioso, che mette al primo posto la lotta alle nuove povertà e al lavoro povero, non ai poveri, come si propone di fare la destra per continuare a garantire rendite di posizione.

Vogliamo, poi, una società inclusiva, in cui le stesse opportunità siamo date a tutti, in particolare alle donne e ai giovani, a cui vanno garantiti strumenti per la parità salariale, per i servizi, per l” accesso al lavoro. All” orizzonte c” è la costruzione di una crescita giusta e inclusiva, per l” Umbria e per il Paese; uno sviluppo sostenibile che non lasci indietro nessuno e in cui siamo perfettamente in equilibrio universalità dei diritti e del servizio pubblico essenziale, sociale, sanità, istruzione, e potenzialità dell” iniziativa privata.

Questo è il nostro modello, questa è la nostra idea del mondo, che opponiamo con forza al modello e alle idee di una destra reazionaria, xenofoba e ultraliberista.”

1 Commento

  1. Mi scusi dr. Bori, ma dove eravate negli ultimi undici anni? A partire dal governo Monti fino all’ultimo governo Draghi, ad eccezione del governo giallo-verde che durò un anno, non siete stati sempre al governo? Cioè in dieci anni non avevate tutto il tempo per raggiungere almeno una parte degli obiettivi che lei cita? Certe “litanie trite e ritrite” le racconti a quelli “trinariciuti”, ammesso che esistano ancora.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*