Buste biodegradabili e l’amica di Renzi, ma chi è veramente Catia Bastioli?

Nel 2008, è stata insignita della Laurea Honoris Causa in “Chimica Industriale” dall’Università di Genova

 
Chiama o scrivi in redazione


Buste biodegradabili e l'amica di Renzi, ma chi è veramente Catia Bastioli?

Buste biodegradabili e l’amica di Renzi, ma chi è veramente Catia Bastioli?

PERUGIA – Persone e aziende umbre che fanno crescere la nostra terra. Catia Bastioli, nata a Foligno nel 1957, si è laureata, nel 1981, in “Chimica pura” all’Università degli Studi di Perugia e ha poi frequentato la scuola di Direzione Aziendale “Alti potenziali Montedison” all’Università Bocconi di Milano. Si è occupata di scienza dei materiali, di sostenibilità ambientale e di materie prime rinnovabili e ha contribuito a fondare il centro di ricerche Fertec sulle materie prime rinnovabili, diventato poi Novamont, occupandosi più in profondità dei temi della sostenibilità ambientale.

Ha trasformato Novamont, prima come direttore tecnico, poi come direttore generale e infine come amministratore delegato, da centro di ricerche a industria di riferimento nel settore delle bioplastiche e dei prodotti da fonte rinnovabile.

Attuale amministratore delegato di Novamont e presidente di Terna, Catia Bastioli ha depositato 90 brevetti base e 900 brevetti internazionali, tra questi il Mater-Bi, materiale di origine vegetale usato nel confezionamento di sacchetti biodegradabili per la raccolta rifiuti.
Autrice di rilevanti contributi scientifici sia sotto forma di pubblicazioni che di brevetti internazionali, ha contribuito a creare una cultura industriale particolarmente sensibile ai problemi di impatto ambientale e di eco-sostenibilità dei processi produttivi, curando inoltre la formazione di un nucleo di ricercatori dotati di una ricca preparazione multidisciplinare nel settore delle bioplastiche.
Per questi motivi, nel 2008, è stata insignita della Laurea Honoris Causa in “Chimica Industriale” dall’Università di Genova, mentre nel 2013, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, le ha conferito
l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana”. 

1 Commento

  1. Questi sacchetti biodegradabili esempio di politiche industriali verdi, di materie prime rinnovabili, di sostenibilità ambientale di economia circolare stanno scatenando una polemica surreale, di natura politico elettorale che mostra come la politica sia scesa veramente in basso e non abbia più credibilità.
    Facciamola finita con questi atteggiamenti e strumentalizzazioni e si torni alla politica con la P maiuscola.
    Giancarlo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*