Antonio Pappalardo, il generale, sostiene Carmine Camicia

 
Chiama o scrivi in redazione


Antonio Pappalardo, il generale, sostiene Carmine Camicia

Antonio Pappalardo, il generale, sostiene Carmine Camicia

“Sono stato qui in Umbria per due anni e mezzo con l’incarico di vice comandante regionale dei carabinieri e francamente la trovo peggiorata. Potete contare su di me e nel caso di vittoria di Camicia, mi propongo assessore alla sicurezza della città”. A dirlo è stato il generale, già deputato, Antonio Pappalardo, durante un incontro con la stampa, che si è tenuto, nel pomeriggio di martedì 7 maggio, nella sala della Vaccara di Palazzo dei Priori.

© Protetto da Copyright DMCA

Il generale, venuto appositamente da Milano, ha voluto incontrare l’aspirante sindaco di Perugia Carmine Camicia e i candidati al Consiglio comunali che lo sostengono attraverso le due liste: la civica “Perugia con il cuore” e il movimento politico “Nazione e Futuro“.

Dal canto suo, il candidato a sindaco Camicia ha espresso stima e gratitudine per il sostegno ricevuto dal generale Pappalardo: “Un uomo che per anni ha lottato contro l’illegalità nel nostro Paese. La sua presenza qui a Perugia serve a rilanciare un percorso sulla legalità e la lotta contro tutte le mafie iniziato nel 2014 dal sottoscritto come consigliere comunale, quando riuscii ad intitolare due sale di Palazzo dei Priori ai giudici Falcone e Borsellino e un’altra all’agente Emanuela Loi”.

La parola mafia a Perugia era un tabù – ha continuato Camicia -, e a questo si aggiungeva, ancora oggi, l’impossibilità dei cittadini ad esercitare elementari diritti, quali il diritto alla salute accedendo gratuitamente ai servizi offerti dal servizio regionale sanitario e al lavoro.

La lotta alla mafia significa anche far uscire dall’isolamento Perugia, un isolamento voluto da chi fino ad ora l’ha governata. E liberare Perugia è un nostro dovere, ecco perché il sostegno del generale Pappalardo rappresenta per noi una tangibile testimonianza ed un autorevole sostegno, al fine di poter far ritornare la vera democrazia anche attraverso l’alternanza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*