Alluvione Villa Pitignano , il territorio è abbandonato, dice il centrosinistra comunale

Al sindaco Romizi chiediamo un rafforzamento del “Cantiere comunale”

Alluvione Villa Pitignano , il territorio è abbandonato, dice il centrosinistra comunale

Alluvione Villa Pitignano , il territorio è abbandonato, dice il centrosinistra comunale


 “Un territorio abbandonato, con scarse manutenzioni, provoca danni e criticità di fronte a precipitazioni eccezionali come quelle verificatesi ieri”. Così i gruppi consiliari del Partito democratico, Rete civica Giubilei e Idee Persone Perugia del Comune di Perugia, di fronte ai danni provocati dai nubifragi e dalle bombe d’acqua di ieri.

“Ci uniamo – dicono i consiglieri comunali – alla richiesta della minoranza del consiglio regionale, per un fondo che possa coprire i danni provocati dal maltempo di ieri. Danni gravi, che hanno messo in difficoltà cittadini e attività di fronte a precipitazioni eccezionali in un periodo di tempo davvero limitato. Da parte nostra però, senza voler lucrare su una situazione di difficoltà, risulta difficile evitare di sottolineare la scarsa manutenzione che il territorio del Comune di Perugia ha avuto in questi anni. Diverse le criticità che abbiamo evidenziato negli anni, puntualmente riportate negli atti consiliari, che la maggioranza ha regolarmente bocciato”.
“Discutibili poi le scelte dell’amministrazione Romizi – proseguono i consiglieri – che, negli anni, ha eliminato i presidi territoriali, che riuscivano a mantenere un controllo adeguato del territorio. Al sindaco Romizi chiediamo un rafforzamento del “Cantiere comunale”, con più investimenti in mezzi e assunzioni e più controlli del territorio, anche nell’attuazione e nel rispetto delle ordinanze emesse o da emettere”.
“Vogliamo infine esprimere vicinanza e solidarietà ai cittadini – spiegano i consiglieri – e vogliamo ringraziare i vigili del fuoco, la protezione civile e tutti gli altri volontari che ieri hanno operato per soccorrere chi era in difficoltà”.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*