Aggressione pizzaiolo Ponte Felcino, Lega Umbria, la misura è colma e non siete soli [Video]

Aggressione pizzaiolo Ponte Felcino, Lega, misura è colma non siete soli

Aggressione pizzaiolo Ponte Felcino, Lega, misura è colma non siete soli. «Il tema della sicurezza in Umbria è tra quelli prioritari per la Lega. Un episodio di violenza che, poi, è nel novero dei tanti che si verificano nelle nostre città. Faremo tutto il possibile  per andare incontro alle richiesta di sicurezza in Umbria, a fianco delle Forze dell’ordine e dell’Autorità giudiziaria. Nell’auspicio che si possano modificare quelle procedure che, garantendo sicurezza, legalità e la giustizia, scongiurino il pericolo che persone violente possano aggirarsi indisturbate per le nostre strade». Sono le parole dell’onorevole della Lega, Virginio Caparvi.

Leggi anche – Chef perugino preso a bottigliate dagli spacciatori a Perugia

Il segretario del “Carroccio” fa seguito a quanto accaduto nel quartiere di Ponte Felcino, dove un pizzaiolo è stato aggredito il 24 agosto alle 18,30, mentre stava svolgendo il suo lavoro. Una delegazione Leghista, composta dal senatore Simone Pillon, dal vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria Valerio Mancini e dal segretario di Perugia Gianluca Drusian, è andata a portare la solidarietà della Lega alla vittima aggredita da uno straniero. «Abbiamo già fatto visita a Polizia e Carabinieri – afferma Valerio Macini – e, a breve, avremo un incontro con il prefetto».

Una fase conoscitiva in sostanza, spiega il Vicepresidente del massimo consesso Regionale, e che prelude a quelle che saranno delle vere e proprie proposte che, parlamentari, consiglieri ed esponenti politici della Lega, presenteranno alle autorità di Pubblica sicurezza e Giudiziaria affinché  “si possa cercare di dare il nostro contributo”.

Il fatto accaduto a Ponte Felcino è di una gravità inaudita

Il fatto accaduto a Ponte Felcino è di una gravità inaudita. «C’è un diritto assoluto alla sicurezza – sottolinea senatore Simone Pillon – che i nostri cittadini devono avere. Non esiste che in un bar del centro alle 18,30 uno non possa andare a prendere un trancio di pizza senza rischiare di essere accoltellato, questo non deve esistere. Cercheremo di fare tutto il possibile per aiutarti e aiutarvi»

La cronaca: Un 39enne ubriaco, straniero e con numerosi precedenti, ha aggredito un dipendente di una nota pizzeria della cittadina, con un coltello da 10 centimetri. Il ragazzo ha reagito disarmando il suo aggressore, ma è stato ferito di striscio alla gola. Il tutto è accaduto davanti a diversi testimoni che hanno aiutato a ricostruire l’accaduto. Erano quasi le 19 quando lo straniero ha preso una bottiglia di birra dal frigorifero e poi è andato fuori e qualche metro dopo ha fatto cadere il contenitore a terra mandandolo in frantumi. Il giovane pizzaiolo è andato fuori a ripulire, ma lo straniero lo ha seguito mentre rientrava nel bar e ha tirato fuori un serramanico con la lama di 10 centimetri.

Aggressione pizzaiolo Ponte Felcino, Lega Umbria: «La misura è colma»

«Sono cani sciolti, non stiamo tranquilli – afferma il titolare della pizzeria –, uno che tira fuori un coltello e aggredisce una persona e gli dice pure di stare tranquillo! Sono anni che soggetti così tengono in scacco il quartiere di Ponte Felcino».



«Questo straniero – fa notare il senatore Pillon –  sono 10 anni che gira indisturbato per il quartiere e terrorizza cittadini e famiglie ed ancora si trova qua».

Gianluca Drusian, ha detto che

Gianluca Drusian, ha detto che: «Non si può più tollerare in una comunità, tra l’altro in un locale dove vengono bambini e famiglie,  che una persona possa girare liberamente con un coltello in mano. Non li lasceremo soli e chiederemo una vigilanza maggiore – ha aggiunto il segretario -. La Lega c’è ed è a fianco dei cittadini».  «Noi vogliamo – ha concluso Pillon – che si garantisca sicurezza a questo quartiere, vogliamo che Perugia torni ad essere una città ancora più sicura».

Alla fine dell’incontro un piccolo aperitivo nel bar pizzeria dove è avvenuta l’aggressione.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*