Test rapidi, Lega fa ricerchine sui social anziché fornire atti, dice De Luca

 
Chiama o scrivi in redazione


De Luca M5S, Regione vuole nuovo inceneritore a Terni per bruciare fanghi depurazione

Test rapidi, Lega fa ricerchine sui social anziché fornire atti, dice De Luca

Dopo aver scambiato l’autorizzazione integrata ambientale (Aia) per il Tribunale penale internazionale dell’Aja, i leghisti umbri continuano la gara con se stessi a spararla sempre più grossa. Ci hanno raccontato per mesi di non avere il tempo per rispondere alle interrogazioni e alle richieste di accesso agli atti, ma hanno trovato il tempo per fare le ricerchine sui nostri social network, scoprendo che chiedevamo di utilizzare kit sierologici “con affidabilità del 100 percento” sui falsi negativi”.

l capogruppo del M5S, Thomas De Luca replica ai consiglieri della Lega sulla vicenda dei test rapidi evidenziando che “la nostra legittima richiesta è sapere il motivo per cui non si sia dato corso ad una procedura comparativa prevista dalla legge ponendo come giustificativo in deroga l’esclusività assoluta sul prodotto richiesto”. 
© Protetto da Copyright DMCA

Lo dichiara il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca replicando alle dichiarazioni dei colleghi del gruppo consiliare leghista (https://tinyurl.com/y82cmfhk), che ritiene “tempo sottratto al loro lavoro di governo in cui dovrebbero cercare di far ripartire la sanità umbra ferma ancora al palo con liste d’attesa inconcepibili.

I leghisti continuano a far finta di non capire che la nostra legittima richiesta è sapere il motivo per cui non si sia dato corso ad una procedura comparativa prevista dalla legge ponendo come giustificativo in deroga l’esclusività assoluta sul prodotto richiesto, i test ‘INCP-402S’, quando altri soggetti istituzionali in Italia hanno acquistato i medesimi prodotti.

  • nessuno ha mai contestato l’acquisto di test sierologici

In parole povere – aggiunge – nessuno ha mai contestato l’acquisto di test sierologici, ma la metodologia e i risultati riscontrati dalla stessa Regione sullo specifico prodotto acquistato. Tra le varie versioni che sono state fornite e i tentativi di mettere a tacere le domande delle minoranze, sono pronto a qualsiasi querela da parte della presidente Tesei e ancor più dopo la conferenza stampa di ieri a dir poco surreale.

Leggi anche – Regione Umbria, Tesei: “Corretta procedura test rapidi

Da parte mia – conclude De Luca – sono consapevole di aver sempre agito in pieno rispetto istituzionale ed aver sempre posto domande e richieste legittime nell’espletamento del mio mandato di consigliere dell’Assemblea. Nel frattempo però gli atti richiesti continuano ad essere bloccati senza alcuna ragione, anche se sono già pronti da tempo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*