Aborto, candidati M5s Umbria firmano appello per libertà di scelta

Aborto, candidati M5s Umbria firmano appello per libertà di scelta

Aborto, candidati M5s Umbria firmano appello per libertà di scelta

“Ci sono regioni in Italia dove il diritto all’aborto è messo in discussione. La denuncia rilanciata su Instagram da Chiara Ferragni ha acceso i riflettori su un problema che si manifesta in alcune regioni, tra cui le Marche, governate da Fratelli d’Italia, ma anche in Umbria, guidata dalla Lega. L’impossibilità a ricorrere all’aborto è ostacolato quotidianamente dall’estesa obiezione di coscienza degli operatori sanitari che costringe chi ne ha bisogno a spostarsi anche fuori regione.

Ad essere negato è il ricorso all’aborto farmacologico

Una lista di spessore, ecco i candidati Movimento 5 Stelle alle Politiche 2022
Candidati M5s

Ad essere negato è il ricorso all’aborto farmacologico, procedura sicura, meno invasiva rispetto a quella chirurgica e preferita dalle donne europee. Il 4 agosto 2020 il ministero della Salute ha pubblicato un aggiornamento delle linee di indirizzo sull’aborto farmacologico che autorizza il suo impiego fino alla nona settimana di età gestazionale, in regime di day hospital o presso strutture ambulatoriali pubbliche adeguatamente attrezzate, funzionalmente collegate all’ospedale e autorizzate dalle Regioni. Perché le nostre istituzioni non applicano le linee guida della Organizzazione mondiale della sanità?

Ecco perché i candidati umbri del M5s hanno deciso di
sottoscrivere l’appello lanciato dalle associazioni per la libertà di scelta

In questo contesto, l’azienda ospedaliera Santa Maria di Terni ha speso 26mila euro per costruire una “culla per la vita”, un’iniziativa che invece di incentivare un parto sicuro in ospedale lascia passare un pericoloso messaggio che favorisce parti in luoghi improvvisati senza assistenza sanitaria mettendo a rischio la vita di donne e bambini. Risorse che avremmo potuto investire in informazione volta a far conoscere l’esistenza della legge nazionale che già oggi garantisce la libertà di scelta di dare alla luce un figlio senza poi riconoscerlo, in totale anonimato, ma con la sicurezza di un parto in ospedale”.

I candidati del M5S Umbria

4 Commenti

  1. Capisci che se lo dice la Ferragni,allora….Dio ce ne scampi e liberi come siamo messi male. Ma male, male, male

  2. La polemica sull’aborto, innescata dalla Ferragni, è poca cosa rispetto a quello che la “sinistra” tutta continua a perseguire come ad esempio le nozze gay, la teoria gendere nelle scuole, la cannabis libera, ecc., ecc. Il PD, ad esempio, non sa più cosa dire, salvo fare manifesti in cui dall’alto della loro presunzione, senza peraltro alcun fondamento, loro sarebbero il “bene” e gli altri il “male”, loro i “migliori” e gli altri i “peggiori”, loro i “presentabili” e gli altri gli “impresentabili”, loro gli “illuminati” e gli altri gli “ignoranti”, loro gli “accoglienti” e gli altri i “razzisti”, loro con l’Europa e gli altri con Putin e così via. E’ il solito ritornello trito e ritrito perchè non sanno cosa dire agli elettori. E intanto, ci troviamo con una crisi energetica spaventosa: costo del gas schizzato a 300 euro/MWh, 120.000 aziende che potrebbero chiudere, probabile razionamento del gas, inflazione galoppante e molte famiglie in grave difficoltà. Ma questi problemi sembra non siano al centro dell’attenzione della sinistra.

  3. La cosa grave, Dott. Porzi, è che in questa sciatta società vengono utilizzati questi inconsistenti personaggi, figli degeneri di questi tempi social, per veicolare discorsi troppo più grandi di loro.

  4. La colpa non è loro, in quanto hanno il diritto di parola come tutti, ma di chi li segue, di coloro che prendono certe affermazioni come “oro colaro”. Manca spesso la capacità di filtrare ciò che si sente : le orecchie servono per ascoltare, il cervello per filtrare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*