Melasecche rimane al suo posto, almeno per ora, Centrodestra incontra presidente Tesei

Centrodestra umbro incontra la presidente Donatella Tesei

Melasecche rimane al suo posto, almeno per ora, Centrodestra incontra presidente Tesei

I segretari regionali di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, rispettivamente Virginio Caparvi, Franco Zaffini ed Andrea Romizi, hanno incontrato questa mattina la Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei per un confronto sull’andamento delle politiche regionali messe in campo.

Ne è uscito un incontro proficuo che ha visto gli esponenti della maggioranza condividere la strada fin qui percorsa che sta portando l’Umbria a vivere una fase di ripresa e di rilancio come sottolineano tra l’altro la tenuta del Pil umbro, la cui perdita in periodo di crisi Covid è stata più contenuta rispetto alla media nazionale, e gli straordinari risultati nel turismo, superiori al 2020 e 2019, nonché la capacità di aver presentato concreti e fattibili progetti regionali per il Pnrr, alcuni dei quali già in fase di finanziamento.

Condivisione è stata espressa anche per ciò che concerne la ricapitalizzazione della Sase da parte della Regione, considerata strategica nello scacchiere regionale. L’appuntamento è stato occasione anche per parlare delle imminenti elezioni amministrative. I partiti di maggioranza, pur avendo scelto percorsi diversi in alcuni comuni, figli di vedute territoriali, si dicono pronti ad impegnarsi durante la fase di ballottaggio a ricomporre lo schema di maggioranza che a livello regionale sta portando i suoi frutti.

Il vertice era stato convocato per il caso-Melasecche, l’assessore espulso dalla Lega alla vigilia di Ferragosto, poiché avrebbe dovuto scegliere fra mantenere l’incarico nell’esecutivo regionale oppure quello di consigliere per il quale è stato eletto ormai due anni fa. L’assessore è ancora in caria a Palazzo Donini e, da quanto appreso, la questione non verrà più toccata fino a dopo i ballottaggi post elezioni.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*