L’omaggio del Maestro Franco Venanti all’Ospedale di Perugia

Realizzata e donata all’Ospedale una copia dell’opera “Entropia IV” del celebre pittore perugino

L’omaggio del Maestro Franco Venanti all’Ospedale di Perugia

L’omaggio del Maestro
Franco Venanti all’Ospedale di Perugia

Si chiama “Entropia IV” la copia dell’opera che il Maestro Franco Venanti, uno dei massimi esponenti della pittura umbra, ha realizzato e donato all’Azienda Ospedaliera in occasione della Mostra a Palazzo della Penna organizzata dal Comune di Perugia. Un connubio forte, quello tra Venanti e la città, sancito questa volta con l’omaggio del Maestro all’Ospedale di Perugia. La copia dell’opera, che verrà esposta nella parete del corridoio tra i reparti di Radiologia e il Servizio Immuno-Trasfusionale – nell’area dedicata alla biblioteca e ad altre opere d’arte – è stata presentata ieri mattina con una semplice cerimonia nella sala Montalcini del CREO a cui ha partecipato l’intera Direzione Aziendale, il Sindaco Andrea Romizi, l’Assessore alla Cultura Leonardo Varasano e il pittore Franco Venanti.

Fonte Ospedale “Santa Maria della misericordia”


Il Sindaco di Perugia ha espresso parole di riconoscenza per Venanti, sottolineando “il sentimento di attenzione per l’Ospedale” e le “grandi emozioni” che l’opera susciterà “in un luogo in cui tutti lo potranno ammirare”. L’Assessore Varasano ha posto l’accento “sul legame speciale c’è che tra Perugia e il Maestro, il più rappresentativo della città e dell’Umbria”, sottolineando “l’apertura dell’Ospedale e l’osmosi con la città”.

Il Maestro si è detto “particolarmente vicino, come cittadino e artista”, all’Ospedale di Perugia: “Lasciare una mia opera all’interno è motivo di grande soddisfazione anche perché sono convinto che l’Ospedale di Perugia sia stato ed è un faro nella Sanità pubblica”. Il Direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, Marcello Giannico, ha sottolineato come questo gesto sia un ulteriore, tangibile segno di vicinanza e raccordo tra il nostro Ospedale e la città di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*