Catiuscia Marini conferma dimissioni da Presidente della Giunta

Catiuscia Marini conferma dimissioni da Presidente della Giunta
Catiuscia Marini

Catiuscia Marini conferma dimissioni da Presidente della Giunta

La presidente della Giunta regionale Catiuscia Marini, con una comunicazione ‘Pec’ alla presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi, ha formalizzato la conferma delle dimissioni da lei presentate “ai sensi dell’articolo 64, comma 3 dello Statuto regionale, già comunicate in data 16 aprile 2019 e discusse dall’Assemblea nelle sedute del 7 e 18 maggio scorso”.

La presidente Marini parla di “percorso dettato esclusivamente da ragioni istituzionali, di correttezza e di rispetto per tutti i componenti dell’Assemblea, sia di maggioranza, sia di opposizione, e non certo da ragioni personali”.

La lettera si conclude con i ringraziamenti: alla Presidente dell’Assemblea legislativa “per la collaborazione istituzionale di questi anni, al servizio delle istituzioni e della comunità regionale”; ai componenti dell’Assemblea legislativa e al personale di Giunta e Consiglio “che in questi 9 anni mi ha supportato con competenza, rigore e professionalità nello svolgimento del mio complesso mandato istituzionale”.

La conferma delle dimissioni della Presidente della Giunta regionale dovrà essere formalizzata in una seduta dell’Assemblea legislativa che dovrà provvedere a completare le procedure previste dall’articolo 64, comma 3 dello Statuto regionale.


LA GIORNATA DI SABATO

Lo scontro con Nicola Zingaretti

Mancate dimissioni Marini, Zingaretti: “Ha fatto grave errore, sono deluso

Zingaretti su Marini? «Spero pausa riflessione si chiuda presto»


La Marini nella seduta del 18 maggio aveva ottenuto la fiducia dell’aula che ha respinto le dimissioni, ma non quelle del Pd. Aveva ottenuto 11 voti a favore, compreso il suo, e 8 contrari, approvando una mozione dei gruppi di maggioranza (Pd, Ser, misto Mdp, misto “Liberi e Forti”). La presidente non si è dimessa sabato 18, anzi, aveva annunciato che la decisione se se ritirare o confermare le dimissioni, sarebbe arrivata “in tempi brevi”. Una mossa che non è piaciuta ai vertici del suo partito. In base allo Statuto umbro, la presidente avrebbe avuto 15 giorni per decidere se ritirare o confermare le dimissioni.

La Marini, dopo una giornata convulsa, ha avuto un malore ed è stata sottoposta ad accertamenti in ospedale, dimessa nella giornata di ieri. La conferma delle dimissioni della Presidente della Giunta regionale dovrà essere formalizzata in una seduta dell’Assemblea legislativa che dovrà provvedere a completare le procedure previste dall’articolo 64, comma 3 dello Statuto regionale.

La ex presidente ricordiamo è coinvolta nell’inchiesta sui concorsi all’ospedale di Perugia che sarebbero stati pilotati da esponenti locali del Partito democratico e nella quale lei stessa è indagata.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
4 + 11 =