Assemblea legislativa: approvato bilancio di previsione 2021-2022-2023

 
Chiama o scrivi in redazione


Assemblea legislativa: approvato bilancio di previsione 2021-2022-2023

Assemblea legislativa: approvato bilancio di previsione 2021-2022-2023

Perugia, 15 febbraio 2021 – La Prima commissione consiliare, presieduta da Daniele Nicchi, si è riunita in videoconferenza dalla Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni ed ha approvato all’unanimità il Bilancio di previsione finanziario per gli anni 2021-2022-2023 per il funzionamento dell’Assemblea legislativa dell’Umbria.

© Protetto da Copyright DMCA

Illustrando l’atto ai commissari, il dirigente di Palazzo Cesaroni Stefano Cardinali, ha sottolineato come il Bilancio è in equilibrio per il 2021 e per l’intero triennio. E questo nonostante l’andamento dei trasferimenti dei fondi dal bilancio regionale nel corso degli anni abbia visto una costante riduzione.

Per questo c’è stata la massima attenzione nella quantificazione del fabbisogno per il funzionamento dell’Assemblea. Grazie a questo lavoro è stato possibile confermare la richiesta di finanziamento a carico del bilancio regionale di 18 milioni 210mila euro per il 2021, e di 18 milioni 130mila euro per il 2022 e 2023. Il fabbisogno finanziario dell’Assemblea legislativa per il 2021 è di 19milioni 325mila euro, quello per il 2022 di 18milioni 351mila e per il 2023 di 18milioni 330mila euro.

Nel triennio gli scostamenti degli importi totali delle previsioni sono poco significativi e riguardano le entrate di natura extratributaria.

Il principale fattore di rigidità del bilancio è rappresentato dalle spese obbligatorie, che assorbono oltre l’80 per cento delle risorse. In particolare servono a coprire le spese per gli amministratori regionali, per l’erogazione degli assegni vitalizi, per il personale, per i gruppi consiliari, per il finanziamento del Cal, dell’Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, del Centro studi giuridici e politici, del Corecom, per i revisori dei conti, il Difensore civico, l’Organismo indipendente di valutazione e il Responsabile della protezione dei dati personali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*