Maran, oltre 100 lavoratori davanti ai cancelli con Cgil, Cisl e Uil VIDEO

“Chiediamo certezze per il futuro di un’azienda strategica per Spoleto e il pagamento degli arretrati per poter passare un Natale sereno"

Maran, oltre 100 lavoratori davanti ai cancelli con Cgil, Cisl e Uil

SPOLETO – Chiedono garanzie sul futuro di un’azienda fondamentale per Spoleto e per l’Umbria e chiedono anche l’immediato pagamento di tutte le spettanze arretrate, per poter affrontare il Natale con un po’ di serenità in più: stamattina oltre 100 lavoratrici e lavoratori della Maran Spa di Spoleto, importante azienda del settore riscossione crediti, hanno manifestato insieme a Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uilcom Uil, davanti ai cancelli della sede aziendale in zona Santo Chiodo. Una protesta molto partecipata che precede di qualche giorno l’importante incontro già fissato con l’azienda per il 15 dicembre.

“Lì ci aspettiamo le risposte che anche oggi con questo presidio i lavoratori della Maran chiedono con forza – hanno affermato i rappresentanti dei tre sindacati – in caso contrario sono già proclamati due giorni di sciopero per il 18 e 19 dicembre e certamente, vista la risposta di oggi, la partecipazione sarà massiccia”.

Al presidio, insieme ai rappresentanti di Filcams, Fisascat e Uilcom (Cristina Taborro, Simona Gola e Paolo Pierantoni) hanno partecipato anche Vincenzo Sgalla, segretario generale della Cgil dell’Umbria, e Ulderico Sbarra, segretario generale della Cisl dell’Umbria, che hanno sottolineato come “una soluzione positiva della vertenza Maran sia fondamentale per invertire il piano inclinato su cui l’Umbria continua a scivolare”.
Presente, inoltre, anche l’amministrazione comunale, con la vicesindaca Elena Bececco, facente funzioni di sindaco, dopo la morte domenica scorsa di Fabrizio Cardarelli. E proprio al primo cittadino scomparso, che aveva seguito sempre da vicino e in prima persona gli sviluppi della vertenza Maran, è andato il commosso saluto di lavoratrici, lavoratori e rappresentanti sindacali presenti al presidio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*