Manovra di bilancio, pensionati in piazza a Perugia e Terni

Manovra di bilancio, pensionati in piazza a Perugia e Terni

Manovra di bilancio, pensionati in piazza a Perugia e Terni In piazza a Perugia e Terni, come nel resto del paese, per difendere “la dignità di pensionate e pensionati”, usati come veri e propri “bancomat” da questo governo. È iniziata la mobilitazione di Cgil, Cisl e Uil contro una manovra finanziaria considerata “iniqua e sbagliata” ed in particolare contro quella che i sindacati dei pensionati, Spi, Fnp e Uilp, definiscono una vera e propria “vessazione” nei confronti delle persone anziane.

Stamattina, 28 dicembre, in pieno periodo festivo, diverse centinaia di pensionate e pensionati hanno manifestato sotto le prefetture dei due capoluoghi umbri per protestare contro la decisione del governo di tagliare la rivalutazione delle pensioni.

La norma, contenuta nella legge di bilancio, prevede infatti la revisione del sistema di indicizzazione degli assegni, a partire da quelli da 1.500 euro lordi, riducendone così il potere d’acquisto. Una decisione che i sindacati definiscono “scellerata e insopportabile”.

“Ancora una volta si mettono le mani nelle tasche di chi ha lavorato duramente per una vita facendogli pagare il conto della manovra economica”, hanno ribadito nei loro interventi i segretari dei tre sindacati umbri dei pensionati, Maria Rita Paggio, Giorgio Menghini e Francesco Ciurnella, che sono poi stati ricevuti dal prefetto di Perugia al quale hanno rappresentato le ragioni della mobilitazione.

Mobilitazione che – hanno avvertito Spi, Fnp e Uilp insieme alle confederazioni Cgil, Cisl e Uil – è destinata a proseguire se non arriveranno dal governo risposte immediate alle richieste avanzate dai sindacati.

Da segnalare, infine, la presenza in piazza delle associazioni del volontariato, anch’esse duramente colpite dalla manovra del governo che raddoppia la tassazione per le realtà no profit. “Realtà che svolgono in Italia un ruolo fondamentale – hanno sottolineato i sindacati in piazza – aiutando e sostenendo le persone laddove non arriva il welfare pubblico”.

Commenta per primo

Rispondi