Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Umbria con i lavoratori ex Fattorie Novelli

 
Chiama o scrivi in redazione


Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Umbria con i lavoratori ex Fattorie Novelli: oggi due presidi

Due presidi dei lavoratori delle ex Fattorie Novelli: questa mattina Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Umbria si sono mobilitati dalle ore 12,00 alle ore 13,30. Ai presidi, di fronte agli stabilimenti di Sambucetole di Amelia e San Giovanni di Baiano di Spoleto, hanno partecipato rappresentanti del mondo delle istituzioni e politici. Proprio a loro e all’opinione pubblica sono state portate all’attenzione le difficoltà affrontate nel tempo dai lavoratori. “Si tratta di 150 lavoratori, in prevalenza femminile – dichiarano Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Umbria – che oggi manifestano la propria stanchezza, accumulata per 9 anni in una condizione di incertezza con sacrifici in termini salariali e normativi. Difficoltà –hanno spiegato- che si ripercuotono su due territori, quello ternano e quello spoletino”.

© Protetto da Copyright DMCA

Il Consigliere Regionale Daniele Nicchi e il senatore Valeria Alessandrini della Lega, hanno incontrato una delegazione dei dipendenti della Novelli di Sambucetole di Amelia, mentre il senatore Stefano Lucidi ha partecipato al presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Spoleto. I lavoratori hanno illustrato agli esponenti della Lega la situazione di difficoltà che stanno vivendo in virtù della scandenza dei loro contratti di lavoro prevista per la fine dell’anno. “Condivido le preoccupazioni espresse dagli operai – ha detto Nicchi – porterò la questione a livello Regionale e riferirò la situazione agli assessori regionali competenti”, mentre i senatori Alessandrini e Lucidi hanno spiegato che porteranno la vertenza all’attenzione del Governo.

“Il marchio OVITO è tra i più importanti per l’Umbria a livello Nazionale e l’azienda è molto apprezzata per il prodotto certificato – hanno concluso gli esponenti leghisti – E’ un valore per il nostro territorio e soprattutto per i lavoratori e le rispettive famiglie. I lavoratori chiedono tutti un bando di vendita, fondamentale per la continuità di questa azienda, un imprenditore che investa sulla struttura e sull’acquisizione dei pulcini e soprattutto salvare i dipendenti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*