UnistraPg ha già attivato corridoio studentesco rifugiati per proseguire studi

Il corso di laurea SIS nasce dalla lunga tradizione di partecipazione dell’Ateneo a progetti umanitari di cooperazione internazionale

UnistraPg ha già attivato corridoio studentesco rifugiati per proseguire studi

UnistraPg ha già attivato corridoio studentesco rifugiati per proseguire studi

Il corso di Laurea Studi internazionali per la sostenibilità e la sicurezza sociale dell’Università per Stranieri di Perugia parteciperà al Festival dello sviluppo sostenibile 2021, (28 settembre – 14 ottobre) con l’iniziativa Hack for Sustainability, un workshop articolato in due giornate di formazione teorico-pratica (22 e 23 settembre) dedicate alla progettazione e illustrazione delle linee strategiche di Unistrapg in tema di sostenibilità.

Ambiti d’intervento dell’iniziativa saranno il cibo, la formazione, l’energia, le risorse e la transizione ecologica, l’inclusione ed infine la mobilità e cambiamenti climatici.
Nel corso dell’iniziativa – nelle sezioni della formazione e dell’inclusione – verrà dato ampio spazio alla presentazione di proposte progettuali sulle iniziative che l’Ateneo potrà promuovere anche a fronte della grave crisi umanitaria in Afghanistan.

La Stranieri di Perugia ha una consolidata tradizione in questo settore, promuovendo con convinzione la sostenibilità quale strumento d’approccio operativo e come prospettiva su cui orientare il futuro, nel solco degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, i quali impongono il coinvolgimento di tutte le componenti sociali e in particolare delle università e dei loro studenti; anche a fronte di gravissime crisi internazionali, come quella che vive in queste settimane il popolo afghano, l’Università può e deve fare molto.

Molti sono i progetti cui l’Ateneo ha dato piena collaborazione nei settori dell’inclusione e della formazione in prospettiva sostenibile, aderendo, ad esempio, all’iniziativa CRUI, Ministero dell’Interno e ANDISU rivolta a studenti con protezione internazionale, nell’ambito della quale ha avviato una solida collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio per l’iscrizione di studenti di nazionalità siriana, e di fatto è stato il primo Ateneo italiano a varare nel 2014 un progetto finalizzato all’assegnare di borse di studio per permettere a rifugiati di qualsiasi nazionalità, che avevano dovuto interrompere gli studi universitari al momento dell’espatrio, di completare il proprio percorso formativo presso l’Università per Stranieri di Perugia, con la possibilità di ottenere inoltre la certificazione della padronanza della lingua italiana.

Nel 2015 la Stranieri ha inoltre aderito al progetto di cooperazione internazionale allo sviluppo – in collaborazione con MAECI e ADISU – che ha consentito a 11 studenti della Garissa University in Kenya di seguire con profitto un corso intensivo di lingua italiana, con borse di studio, dopo l’attacco terroristico dei miliziani di Al Shabaab del 2 aprile 2015, continuando poi a sostenere finanziariamente gli studenti kenyoti per permettere loro di completare l’intero percorso universitario.

L’Ateneo fa parte del sub-network sulle Migrazioni di UNIMED, insieme ad altre 37 università di 16 differenti paesi, aderisce ad iniziative progettuali nell’ambito del Fondo Asilo e Immigrazione FAMI volte alla formazione linguistica, ed ha elaborato ed implementato, attraverso il Centro di Valutazione e Certificazione Linguistica, la certificazione di conoscenza della Lingua Italiana per Immigrati presenti in Italia e dal 2008 coordina il gruppo di lavoro dell’ALTE denominato LAMI (Language Assesment for MIgrants).
Dal 2020, inoltre, l’Università per Stranieri di Perugia ha aderito al Manifesto dell’Università inclusiva, redatto dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, a favore dei giovani titolari di protezione internazionale che intendano proseguire il percorso di studi e ricerca nel Paese di asilo.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*