E’ festa per il 10 milionionesimo annuncio di Cerco e Trovo

 
Chiama o scrivi in redazione


E' festa per il 10 milionionesimo annuncio di Cerco e Trovo

E’ festa per il 10 milionionesimo annuncio di Cerco e Trovo

di Benedetta Risolo
Mercoledì 21 Ottobre Cerco&Trovo festeggia i 10 milioni di annunci pubblicati nella sua storia. Un traguardo storico per un’azienda che, al netto delle logiche imprenditoriali, ha svolto un’innegabile funzione socio-economica per la regione, di fatto agendo come volano dell’economia Umbra.
Sono poche le aziende che riescono a svolgere una funzione sociale e di sviluppo del territorio pur nascendo come strutture imprenditoriali. Cerco&Trovo è una di queste e, come tale, merita una piccola riflessione. Abbiamo voluto conoscerla meglio parlandone con il fondatore, Massimo Lenterna.

D: “Sig. Lenterna, oggi diamo per scontato che si possa vendere un oggetto tramite un annuncio. Una volta non era così. Come è nato Cerco&Trovo?”
R: “L’idea nasce alla fine degli anni ’70, intravedendo un’inefficienza nel sistema di compravendita fra privati. A quei tempi potevi trovare cartelli sparsi per la città ma mancava una piazza virtuale che potesse racchiudere tutte le offerte del territorio e catalogarle per settore. Mancava un giornale di annunci”.

D: “Quando è uscito il primo Cerco&Trovo e con quanti annunci?”
R: “Cerco&Trovo ha preso vita nell’Ottobre del 1978 con una cinquantina di annunci. Ma che fatica per reperirli! Come tutte le novità c’era grande diffidenza verso un mezzo del tutto nuovo, nessuno voleva pubblicare il proprio numero di casa su un giornale. Ma la storia ci dice che l’idea era valida”.

D: “Oggi celebrate 10 milioni di annunci pubblicati. E’ innegabile che abbiate dato un forte impulso all’economia Umbra.”
R: “E’ vero. In questi 42 anni di attività, infatti, gran parte del mercato socio-economico dell’Umbria è passato attraverso Cerco&Trovo. Le transazioni commerciali tra privati sono esplose, accrescendo il benessere del tessuto sociale. Le interazioni tra privati ed aziende si sono moltiplicate, aiutando le strutture commerciali della regione a crescere e svilupparsi. Il mondo del lavoro è diventato più efficiente e dinamico grazie ad un facile punto di incontro tra domanda ed offerta. La comunità tutta, in sostanza, ha beneficiato di un servizio nato come imprenditoriale ma dai mille risvolti sociali.”

D: “Mercoledì 21 Ottobre Cerco&Trovo uscirà con un numero speciale che regalerete fino ad esaurimento. Perché lo fate?”
R: “Perchè l’Umbria ci ha regalato tanto e vogliamo restituire parte di quell’affetto ricevuto da privati ed aziende, gratificandoli con questo omaggio. Soprattutto in questo periodo in cui la pandemia ha penalizzato le aziende, in cui molti hanno perso il lavoro, vogliamo dare il nostro piccolo contributo. Con questa iniziativa speriamo che chi ha perso il lavoro possa trovarne uno nuovo e chi ha un’attività trovi nuovi clienti”.

D: “Oggi il mondo è cambiato. Come vede il futuro di Cerco&Trovo?”
R: “E’ vero, oggi il mondo è diventato molto più digitale. Ma rimarrebbe sorpreso nel sapere quanti ancora acquistano il nostro giornale. Cìò detto è chiaro che dobbiamo essere pronti per il futuro ed abbiamo avviato un processo di digitalizzazione anche per la nostra azienda. Non so quanta malizia ci fosse nella sua domanda ma, se ce n’era, stia sicuro che siamo sulla via per celebrare i prossimi 10 milioni di annunci!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*