Ubriachi e drogati, a guidare sulle strade sono in troppi, via punti e patenti

 
Chiama o scrivi in redazione


Ubriachi e drogati, a guidare sulle strade sono in troppi, via punti e patenti

Ubriachi e drogati, a guidare sulle strade sono in troppi, via punti e patenti

1.500 provvedimenti di sospensione – di cui 794 per guida in stato di ebbrezza e 167 per uso di sostanze stupefacenti – e oltre 80 provvedimenti di revoca della patente di guida. Cui si aggiungono i verbali di infrazioni al Codice della Strada, con un totale di 3.000 provvedimenti adottati e somme ingiunte per circa 1.000.000 Euro.

Sono i risultati di un anno, comunicati dalla Prefettura di Perugia, in merito alle infrazioni al codice della strada. Di questo, ma anche di molto altro, si è parlato al secondo piano del Palazzo di Piazza Italia a Perugia al cospetto del Prefetto, Claudio Sgaraglia. Misure e controlli da adottare per le festività natalizie per garantire maggiore sicurezza stradale su tutto il territorio della Provincia.

«Durante l’incontro – riferisce un dispaccio dell’UtG (Ufficio territoriale del Governo)-, è stata messa in evidenza  l’intensa attività posta in essere negli ultimi mesi in materia di provvedimenti sanzionatori  per infrazioni al Codice della Strada ed illeciti depenalizzati, al fine di innalzare ulteriormente i livelli di legalità in materia di circolazione stradale».

«E’ stato, inoltre – riporta la nota -, rinnovato l’impegno, attraverso Progetti Finalizzati attuati dal personale della Prefettura, per procedere alla definizione di numerosi procedimenti amministrativi pendenti, rafforzando l’azione di legalità e valorizzando l’efficacia dell’attività in materia di depenalizzazione».

In particolare, in materia di sanzioni per assegni emessi in difetto di provvista (cd. assegni “a vuoto”), sono state emesse, nel corso del 2019, oltre 3.200 ordinanze, per un importo complessivo ingiunto di 3.400.000 Euro, aumentando notevolmente, rispetto agli anni precedenti, i risultati conseguiti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*