TERNI, SEQUESTRO AL MATTATOIO

sequestro mattatoio(UJ.com3.0) TERNI – Il Comando Stazione Forestale di Terni in data 18 e 19 marzo 2013, durante le operazioni di controllo sulla regolare macellazione presso i centri di lavorazione carne, ha proceduto al sequestro del pozzetto di raccolta delle acque reflue industriali prodotte dall’impianto di macellazione del mattatoio comunale di Terni. Attualmente la gestione del mattatoio è affidata ad una società privata con sede legale in Viterbo. Durante il controllo che ha riguardato tutte le fasi operative del mattatoio, dal benessere degli animali, all’uccisione, alla lavorazione delle carni nonché la gestione dei rifiuti e dei sottoprodotti di origine animale, gli agenti forestali hanno verificato che il centro di lavorazione effettuava lo scarico delle acque reflue industriali in pubblica fognatura in assenza di autorizzazione.

 

Immediato quindi il sequestro del pozzetto di raccolta delle acque reflue industriali. Per quanto sopra, in base alla normativa di settore vigente il responsabile della gestione del mattatoio è stato deferito a piede libero all’Autorità Giudiziaria. Il reato contestato è quello di scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura in assenza di autorizzazione, reato previsto dall’art. 124 co.1 del Decreto Legislativo 152/06 – Norme in materia ambientale – , che prevede che tutti gli scarichi devono essere preventivamente autorizzati. Il titolare ora rischia l’arresto da due mesi a due anni o l’ammenda da millecinquecento euro a diecimila euro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*