Tecnica dell’abbraccio, denunciata una donna per due furti

Tecnica dell’abbraccio, denunciata una donna per due furti

I Carabinieri della Stazione di Castel del Piano sono riusciti ad individuare e denunciare una donna di nazionalità rumena, ma residente a Perugia, classe 1980, presunta responsabile di due furti con destrezza, commessi entrambi in danno di altrettanti anziani perugini di 74 e 79 anni, e nei confronti di uno anche di una presunta violenza sessuale dovuta ad un palpeggiamento.

La tecnica utilizzata dalla donna è comunemente conosciuta come “furto con abbraccio” e vede generalmente vittime persone anziane, in quel momento sole, e quindi più vulnerabili, spesso all’aperto.

Le due vittime sono state avvicinate dalla 42enne che, prima con alcuni convenevoli e poi in un caso, con un palpeggiamento alle parti intime, è riuscita ad avere contatto fisico e a sfilare ad uno una collana d’oro e all’altro un bracciale.

Gli episodi sono avvenuti a distanza di pochi giorni in un parco pubblico a Castel del Piano e all’esterno di un bar vicino alla stazione ferroviaria di Perugia. Entrambe le aree sono prive di videocamere che avrebbero potuto riprendere i fatti, ma ciò non ha impedito ai Carabinieri di risalire all’identità della donna. Infatti, attraverso le dichiarazioni delle due vittime e grazie alla collaborazione di alcuni passanti che avevano assistito, i militari sono stati in grado di ricostruire l’identikit dell’indiziata, poi identificata attraverso l’individuazione fotografica da parte di una delle vittime.

È molto importante evitare il contatto con persone sconosciute, spesso giovani donne che, fingendo di conoscere l’ignaro interlocutore si avvicinano per avere il contatto fisico e, in modo rapido ed impercettibile, riescono a sganciare orologi, collane, bracciali, orecchini e anche anelli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*