Spazzatura d’oro connection, scandalo rifiuti, il 4 dicembre udienza preliminare

Spazzatura d’oro connection, scandalo rifiuti, il 4 dicembre udienza preliminare

Spazzatura d’oro connection, scandalo rifiuti, il 4 dicembre udienza preliminare “Spazzatura d’oro connection”: l’indagine sullo scandalo dei rifiuti della Dda, coordinata dal pm Valentina Manuali con in campo gli omini dell’allora Forestale è alle fasi finali. Il 4 dicembre è la data fissata dell’udienza preliminare davanti al gup, dopo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal pm.

Sono in totale 16 gli imputati e sette le società che si preparano all’udienza preliminare. Gli imputati devono rispondere a vario titolo anche di inquinamento ambientale, frode in commercio, getto pericoloso di cose, frode nelle pubbliche forniture e truffa. Gli imputati avrebbero, a vario titolo, indotto in errore gli enti locali committenti il servizio di gestione, che pagavano servizi per trattamento e recupero in realtà non effettuati con ingiusto profitto per Gesenu di 20 milioni e 947mila (cifra che ora richiede la Corte dei Conti). Ma ciò che colpisce sono le parti offese.

LEGGI ANCHE: Sequestro discarica Borgogiglione

Venticinque amministrazioni comunali vittima di truffa e frode (Perugia che è pure proprietaria del 45% di Gesenu, Bastia, Bettona, Cannara, Castiglione, Città della Pieve, Collazzone, Corciano, Deruta, Fratta Todina, Magione, Marsciano, Massa Martana, Montecastello di vibio, Paciano, Panicale, Passignano, Piegaro, San Venanzo, Todi, Torgiano, Tuoro, Valfabbrica, Lisciano Niccone).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*