Sei automobilisti multati, vanno a prostitute ma vengono beccati

 
Chiama o scrivi in redazione


Sei automobilisti multati, vanno a prostitute ma c'era anche la polizia locale

Sei automobilisti multati, vanno a prostitute ma vengono beccati

Sei gli automobilisti in cerca di compagnia sanzionati dalla polizia locale di Perugia. Due pattuglie nella notte tra giovedì e venerdì dalle ore 20 alle 2 hanno effettuato un controllo in Strada Trasimeno Ovest e via Corcianese. In abiti civili hanno verificato il rispetto delle disposizioni dell’ordinanza sindacale 408 del 23 aprile 2019 tesa al contrasto del fenomeno della prostituzione su strada.

L’età dei pizzicati si aggira sui 70 anni. Sono stati trovati a intrattenersi con prostitute, tutte di nazionalità romena. A ognuno degli automobilisti, tre dei quali sono residenti fuori dal comune di Perugia, sono state applicate multe da 450 euro. Nell’ultimo controllo, i multati hanno provato a giustificarsi sostenendo che stavano dando solo un passaggio a un’amica, oppure che, conoscendo la ragazza, stavano andando insieme a fumare una sigaretta. Quest’ultima scusa non ha retto perché per fumare si erano appartati in un luogo buio.

Pochi giorni fa anche un novantenne era finito nel mirino della polizia locale. Nei primi giorni i vigili urbani si sono concentrati in due zone distinte della città, in via Campo di Marte e Ponte San Giovanni.

 

1 Commento

  1. Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.
    P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*