Sarà il caldo, ma la gente è fuori di testa, liti a raffica e attivazione SCUDO

Si tratta dell’applicativo interforze realizzato del Ministero dell’Interno

Sarà il caldo, ma la gente è fuori di testa, liti a raffica e attivazione SCUDO

Sarà il caldo, ma la gente è fuori di testa, liti a raffica e attivazione SCUDO

Gli agenti della Squadra Volante della Questura di Perugia sono stati impegnati, nelle ultime 24 ore, per una serie di segnalazioni riguardanti liti in famiglia per le quali – il tempestivo intervento degli operatori – è riuscito ad evitare epiloghi potenzialmente tragici.

Nel primo pomeriggio di ieri, nel territorio del corcianese, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico sono intervenuti a seguito della richiesta di aiuto da parte di una donna che aveva chiamato la Sala Operativa riferendo di essere in lite con il figlio.

Giunti sul posto i poliziotti hanno constatato la presenza nell’appartamento degli anziani genitori, visibilmente provati per le continue richieste di denaro da parte del figlio. Dal loro racconto è emerso che al diniego opposto, che l’uomo aveva dato in escandescenza urlando e insultando sia la madre che il padre.

Verificato che nessuno dei presenti avesse bisogno di cure mediche, l’accaduto è stato inserito nella piattaforma “S.C.U.D.O.”. Si tratta dell’applicativo interforze realizzato del Ministero dell’Interno, nato da uno specifico progetto elaborato dalla Direzione Centrale Anticrimine, che consente non solo di archiviare i dati che emergono dai vari interventi ma anche di monitorare in tempo reale le dinamiche dei fenomeni di violenza.

Gli interventi inseriti in SCUDO riguardano sia gli episodi rientranti nel così detto CODICE ROSSO, connessi alla violenza di genere, sia gli episodi che – seppur non caratterizzati da particolari gravità o aggressività – come le liti verbali, attraverso una condotta abituale potrebbero assumere profili di gravità degenerando in atti persecutori o maltrattamenti contro familiare o convivente.

Terminati tutti i controlli e le procedure di inserimento nell’applicativo, gli agenti hanno rassicurato la coppia e li hanno informati sulle loro facoltà di legge. A ridosso della mezzanotte, una nuova segnalazione è pervenuta alla Sala Operativa proveniente dalla zona di Via Settevalli. Una donna di origini romene – classe 1978 – ha richiesto l’intervento della Polizia di Stato perché in lite violenta con il proprio compagno, un cittadino italiano classe 1942. Il diverbio era scaturito dalla decisione della 44enne di recarsi in ospedale a far visita a una conoscente e dal disaccordo dell’uomo che era degenerato in urla e insulti tanto da far sentire la donna in pericolo. Riportata la calma, dopo una serie di accertamenti condotti dagli agenti, l’intervento è stato inserito sulla piattaforma SCUDO.

Un altro intervento, sempre nella zona territoriale del corcianese, ha visto in prima linea gli agenti della Squadra Volante che sono intervenuti presso un esercizio commerciale. La lite, tra un cliente e il personale del negozio, era scattata perché l’uomo – classe 1977 – era stato ritenuto responsabile di aver urinato in uno dei cestini della spazzatura presenti nell’attività.

Effettuate tutte le procedure di identificazione dei soggetti presenti, gli agenti hanno riportato la calma tra le parti e li hanno informati sulle loro facoltà di legge.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*