Ryanair, volo Catania-Perugia dirottato ad Ancona, la triste vicenda

Umbria perde ancora l’aereo, Ryanair su 53 nuove Rotte in 14 Città

Ryanair, volo Catania-Perugia dirottato ad Ancona, la triste vicenda

La brutta avventura è capitata al consigliere comunale Fabrizio Croce, meglio conosciuto come “Fofo”. A scriverlo sul Facebook è lo stesso consigliere che racconta nei minimi dettagli quanto accaduto. Ecco il suo racconto:

«Aereo Catania-Perugia arrivo previsto 8,50. Sole su tutta l’Italia centrale. Striscia di nebbia sulla valle del Tevere. Dopo tre giri a vuoto volo “dirottato” ad Ancona: non è la prima volta, può succedere. 20 minuti dopo arriviamo ad Ancona. Da questo momento 180 persone lasciate allo sbaraglio. Nessuno dà informazioni. Alle 10,30 arriva un autobus. Uno x 180. Scene all’italiana: prima le donne, i bambini, i furbi e gli sgomitatori. Rimane a terra un disabile in carrozzina che tutti avevano visto e nessuno aveva fatto passare.

L’assemblea improvvisata della piazza sentenzia: l’autobus non parte senza lui e la mamma. Come nei rastrellamenti di tragica memoria vengono scelte a caso tre persone e fatte scendere tra gli improperi della folla inferocita (si ma quelli rimasti a bordo erano altrettanto responsabili, per non dire dell’autista). Una volenterosa dipendente dell’aeroporto prova a placare gli animi promettendo l’arrivo di un altro autobus entro un’ora. La salviamo dal linciaggio. Scene di rassegnazione e rabbia.

Alle 12 arriva un secondo autobus, modello torpedone, rimangono fuori solo 3 persone: dai ragazzi, facciamogli posto. Fermi! Colpo di scena arriva un terzo autobus: i tre, trionfanti come gli atleti che salgono al podio, vi si dirigono a bordo con aria soddisfatta e beffarda, manca solo il gesto dell’ombrello. Era solo una guerra tra poveri, non è il caso. 12.05 finalmente si parte dopo 3 ore.

Non un solo dipendente di Ryanair si è mai fatto vedere in tutto questo tempo. La dipendente dell’aeroporto volatilizzata. L’unico bar chiuso. Ancona grigia e silenziosa nella domenica mattina ci guarda andare via: sarà per un’altra volta. Da oggi ho un buon motivo x boicottare Ryanair».

correlati

2 Commenti

  1. Con raynair partire o arrivare è sempre un’impresa. Cavolo possibile che non c’è un minimo di assistenza ne in aeroporto e ne altrove. È vero prezzi modici, ma….servizio pessimo.

  2. Ma ci vuole tanto a capire che non esiste personale ryanair negli aeroporti italiani? Avete mai visto qualcuno con la divisa della compagnia? No, perché quando le compagnie aeree effettuano dei voli verso un qualsiasi aeroporto, in caso di dirottamento verso altro aeroporto causa tempo non controllabile, le stesse si impegnano a trovare soluzioni alternative, vedi bus, per portare i passeggeri a destinazione. E chiaramente, questo viene comunicato ai suddetti passeggeri, che fanno tutto tranne che ascoltare gli annunci fatti in aeroporto. E sono stata testimone in prima persona. Si fa presto a lamentarsi, ma spesso si perde un’occasione per starsene zitti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
29 − 16 =