Rubano frullini a Ponte Felcino e scassinano Conad a Ponte Pattoli, Perugia Nord

I cittadini? Par quasi di sentirlo l'urlo di richiesta di aiuto! Si ritrovano i ladri dentro casa, nei garage, nei negozi, nei bar, nelle officine...a tutte le ore.

Rubano frullini a Ponte Felcino e scassinano Conad a Ponte Pattoli, Perugia Nord

Rubano frullini a Ponte Felcino e scassinano Conad a Ponte Pattoli, Perugia Nord

di Marcello Migliosi
Perugia nord, ancora Perugia nord, ancora no man’s land, ma questa volta sul posto è piombata la squadra volante della Polizia di Stato. E’ un piccolo grande passo per chi, come il gruppo de “Attenti al ladro” sta da mesi invocando aiuto. Non c’è giorno, non c’è imbrunire e non c’è notte in cui ladri, malviventi, malfattori non scelgono di colpire questa che è una delle più belle zone del comune di Perugia. Bella e disgraziata però! I cittadini? Par quasi di sentirlo l’urlo di richiesta di aiuto! Si ritrovano i ladri dentro casa, nei garage, nei negozi, nei bar, nelle officine…a tutte le ore.

Per Solfagnano, Parlesca, Ponte Pattoli, Ponte Felcino, Casa del diavolo, Resina…metteteli tutti, perché tutti sono coinvolti, non c’è più pace. «Questa mattina – racconta Giuseppe Castelli (ex squadra mobile) – ero in via Amendola, una piccola stradina che costeggia il fiume Tevere nei pressi della chiesetta di Santa Maria. Portavo a spasso il mio cane e ho trovato quattro confezione di frullini a batteria di quelli per tagliare il ferro».

Castelli è pure preciso nella spiegazione e dice che si tratta di apparati di marca Milwaukee modello M18. Intendiamoci però le confezioni erano vuote eh.  «C’era anche un pannello copri portabagagli di una vettura, tre ombrelli ed una scatola vuota per auricolari da cellulare marca Jabra».

Lì per lì Castelli non ha saputo ricostruire più di tanto, ma poi, piano piano, nel corso della giornata, tutto si è andato delineando con maggiore chiarezza. La sostanza era che l’ex poliziotto non sapeva se quanto aveva ritrovato era oggetto di furto o altro. Di certo l’esperienza gli insegna proprio questo, quei frullini – prima o poi – sarebbero serviti per scassinare qualche porta, finestra, serranda, sì, insomma, uno dei tanti colpi che oramai non si contano più a Perugia nord.

Castelli ha chiamato il 113 che è puntualmente arrivato, una Volante si è precipitata sul posto. E in realtà il furto degli attrezzi c’era realmente stato ed era stato effettuato ai danni della Ferramente Tofanelli di via del Rame, manco a dirlo zona industriale di Ponte Felcino.

Come dire, a pensare male si fa peccato, ma molte volte ci si azzecca. Durante la notte giù un assalto alla Conad di Ponte Pattoli, negozio che, se non andiamo errati, dovrebbe trovarsi non lontano dalla stazione dei Carabinieri diretta dal comandante Marchetti. Ma quello che più colpisce è che il supermercato si trova a non più di un centinaio di metri dal luogo (a Ponte Pattoli ndr) dove Castelli ha ritrovato tutto ciò che restava del colpo alla Ferramenta Tofanelli. Secondo quanto è stato possibile apprendere, pare che i ladri siano entrati dall’ingresso principale e si siano impossessati di alcuni giochi, scarpe e soldi delle casse.

Avrebbero cercato anche di svaligiare la cassaforte ma pare che non siano riusciti nell’intento di svaligiarla.

Ok, i colpi sono stati messi a segno, ma sul primo indaga la Polizia di Stato e sul secondo l’Arma dei Carabinieri. Non c’è da essere felici certo, non si è vinta nessuna battaglia, ma adesso con le Forze dell’Ordine in campo i cittadini saranno meno soli. Questo non significa che siano disposti ad abbassare la guardia. Sì, qualche sera nella chat circola un po’ di sconforto e chi non sarebbe sconfortato me lo dite? Ma è solo “tenendo duro” è solo denunciando, denunciando e denunciando alle Forze dell’ordine che si può ottenere qualche cosa.

Castelli lo sa perfettamente, il territorio comunale di Perugia è amplissimo, in proporzione, uno dei più vasti d’Italia e tenerlo sotto controllo non è facile.

Fino ad ora il gruppo de Attenti al Ladro, cui va il grande rispetto di tutti, ha avuto la forza, il coraggio e la volontà di non mollare. Continuare così chiedete l’aiuto di Polizia e Carabinieri e prima o poi si comincerà col vincere qualche battaglia e magari anche la guerra finale. Speranza? Sì, vero, ma la forza di chi è unito forse sfugge a chi crede che col terrore si possa piegare la testa dei cittadini onesti. Noi tifiamo Perugia nord! UmbriaJournal

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*