Perugia nord e sicurezza, a breve le ronde della popolazione

Metteremo in atto tutte le forze necessarie noi residenti gli abitanti vogliono dare che un segnale, "una scossa per chi deve vigilare sulla nostra incolumità"

 
Chiama o scrivi in redazione


Perugia nord e sicurezza, a breve le ronde della popolazione

Perugia nord e sicurezza, a breve le ronde della popolazione

No, non si tratta del triangolo delle Bermuda ma il triangolo a nord di Perugia. Ancora una volta i delinquenti prendono di mira le frazione che si trova tra Tavernacce, Solfagnano, Resina e Ponte Pattoli è Casa del Diavolo, già vittime dei ladri. «Questa volta è toccato alla frazione di Rancolfo, ormai – così come riferisce Giuseppe Castelli Segretario Regionale del FN -, noi residente in zona, siamo diventati facili obiettivi dei malviventi, in quanto consapevoli che in questo triangolo non c’è alcuna vigilanza da parte delle forze dell’ordine».

Questa volta, come successo come qualche giorno a Solfagnano, i ladri sono fuggiti a bocca asciutta. «Sì, vero – conferma Castelli -, il furto che stavano tentando di perpetrare intorno le ore 17:15 è stato sventato grazie al rientro dei proprietari dell’immobile. Gli ignoti autori del tentativo di furto si sono allontanati molto probabilmente (così come riferito da alcuni residenti) a bordo di un’Audi A3 SW di colore scuro)».

Secondo Castelli, che è un ex poliziotto, sono ignoti ancora per poco: «Metteremo in atto tutte le forze necessarie noi residenti. Certo – afferma – non vogliamo trasformarci come il noto film del 1974 interpretato da Charles BronsonI giustizieri della notte”, ma siamo ormai costretti ha difenderci da soli, chi c’è lo può impedire? Ha mali estremi, estremi rimedi».

Giuseppe Castelli dice che gli abitanti vogliono dare che un segnale, “una scossa per chi deve vigilare sulla nostra incolumità, perché arrivati a questo punto difendeteci è un nostro diritto, il diritto di potere vivere tranquillamente a casa nostra, perché difenderci da soli ormai una priorità, con tutte le conseguenze perché nelle nostre frazioni abbiamo raggiunto il punto del non ritorno, il limite della sopportazione, e le mani iniziano ha prudere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*