Rissa a coltellate a Ponte San Giovanni, fu un regolamento di Conti

Rissa a coltellate a Ponte San Giovanni, fu un regolamento di Conti

Un regolamento di conti. Questo emerge dall’interrogatorio dopo la rissa a coltellate a Ponte San Giovanni. Un regolamento dettato dal dissidio nato tra le donne dei due gruppi contrapposti: due albanesi e due tunisini. E’ quanto scrive oggi la Nazione uUmbria.

Il gip ieri ha convalidato l’arresto dei quattro per la violenta rissa avvenuta in via Paris a Ponte San Giovanni, ed ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.  Gli indagati sono difesi dagli avvocati Daniela Paccoi (gli albanesi) e Barbara Romoli (i tunisini).

Secondo il giudice sussiste il rischio di reiterazione del reato

E adesso si indaga anche sull’esistenza di una pistola che qualcuno dei contendenti avrebbe potuto avere con sé. «Non rinvenuta ma secondo i tunisini affidata ad altri due albanesi».

Le dichiarazioni dei quattro hanno dato conto di una lite tra donne con conseguente intervento dei mariti/compagni. Gli investigatori avevano poi sequestrato un grosso coltello e una bomboletta spray al peperoncino. I tunisini, secondo la testimonianza di una residente, spruzzarono il liquido contro uno degli albanesi per poi accoltellarlo. Le ferite però avevano attinto tre dei quattro partecipanti.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
24 ⁄ 12 =