Ragazza di 22 anni salvata da poliziotto folignate stava per uccidersi

 
Chiama o scrivi in redazione


Il luogo sulla Siena Bettolle

Ragazza di 22 anni salvata da poliziotto folignate stava per uccidersi

Il vice sovrintendente Andrea Ponti, in servizio a Siena ha salvato una ragazza di 22 anni che stava per togliersi la vita, gettandosi da un cavalcavia nelle vicinanze. E’ quanto riporta oggi il Corriere dell’Umbria. L’episodio si è verificato nel primo pomeriggio di domenica scorsa.  La ragazza stava tentando di togliersi la vita in seguito a una forte delusione d’amore. Si era recata in località Ponte di Petriolo sulla Siena Grosseto, e alcuni passanti, avendo notato l’atteggiamento della ragazza, avevano avvisato la sala operativa della Questura di Siena.

L’operatore della centrale ha immediatamente inviato le volanti in zona. Il capo pattuglia era proprio il vice sovrintendente folignate. Quando è giunto sul posto, la ragazza era già in bilico sulla balaustra del ponte, pronta per gettarsi nel vuoto. Ma Ponti – conosciuto a Foligno anche per essere il priore del rione Croce Bianca – è riuscito proprio in extremis ad afferrarla e a portarla in sicurezza. La giovane è stata quindi accompagnata all’ospedale dove è stata sedata e tenuta sotto osservazione con supporto psicologico.

«E’ stato un lavoro di squadra da tutti i punti di vista. Il Coordinamento della nostra Questura, l’azione essenziale degli operatori di Centrale e l’azione sul campo della Squadra Volante ha dato il risultato sperato. Abbiamo agito in 6, ciascuno con un ruolo specifico ma inseriti in un unicum che ha permesso di scongiurare una tragedia. E’ stata per tutti noi una grande soddisfazione umana e professionale. Una soddisfazione che dà lustro al lavoro della Polizia, del questore, all’impegno della stessa Questura in tutte le sue articolazioni e che è stata sottolineata dalle tante attestazioni ricevute dalla popolazione di Siena. Abbia-mo fatto soltanto il nostro lavoro e lo abbiamo svolto come sempre con l’ottica di squadra».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*